rettangolo

Spettacoli Pistoia

sabato 25 gennaio 2020

Stagione Musica da Camera Promiscua 2020, secondo appuntamento con il pianista Michele Campanella

 

Secondo appuntamento della 59° Stagione di Musica da Camera, diretta dal M° Massimo Caselli e promossa da Associazione Teatrale Pistoiese in collaborazione con Fondazione Pistoiese Promusica e con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio.

Presenze prestigiose, sabato 25 gennaio (ore 21) al Saloncino della Musica di Palazzo de’ Rossi, con il gradito ritorno a Pistoia di un pianista del calibro di Michele Campanella, stavolta in formazione cameristica con il violinista Ralph Evans e il violoncellista Dominique De Williencourt.

In programma il Trio in Do maggiore KV 548, composto da W. A. Mozart nel 1788 e il Trio in La minore Op. 50, uno dei vertici della produzione musicale di P. I. Ciaikovskij.

RALPH EVANS violino
DOMINIQUE DE WILLIENCOURT violoncello
MICHELE CAMPANELLA pianoforte

W. A. Mozart (1756-1791)
Trio in Do maggiore KV 548
Allegro / Andante cantabile / Allegro

P. I. Ciaikovskij (1840-1893)
Trio in La minore Op. 50
Pezzo elegiaco / Tema con variazioni

Considerato internazionalmente uno dei maggiori virtuosi e interpreti lisztiani, Michele Campanella ha affrontato in oltre 50 anni di attività molte tra le principali pagine della letteratura pianistica. La Società “Franz Liszt” di Budapest gli ha conferito il Gran Prix du Disque nel 1976, 1977 e nel 1998. Nel 1986 il Ministero della Cultura ungherese gli ha conferito la medaglia ai “meriti lisztiani”. Formatosi alla scuola pianistica napoletana di Vincenzo Vitale, Michele Campanella è un artista di temperamento assai versatile. Questa sua caratteristica lo ha portato ad avvicinare autori quali Clementi, Weber, Poulenc, Busoni, Rossini, Brahms, Ravel e Liszt.

A Pistoia il famoso pianista napoletano si esibirà in trio assieme a Ralph Evans, vincitore nel 1982 del Concorso internazionale Ciajkovskij di Mosca e primo violino del Fine Arts Quartet (con il quale ha effettuato tournées in tutto il mondo e registrato oltre 100 opere pubblicate in oltre 40 album diversi) e a Dominique De Williencourt, attivo sia come esecutore che come compositore ed esecutore di concerti con artisti del calibro di Yehudi Menuhin e Yuri Bashmet.

La 59° Stagione di Musica da Camera proseguirà venerdì 31 gennaio (ore 21) con il concerto del pianista statunitense Richard Goode, impegnato in un programma che spazia da J. S. Bach a C. Debussy.

Biografie

Ralph Evans, vincitore nel 1982 del Concorso internazionale Ciajkovskij di Mosca, ha suonato come solista in Europa e Nord America prima di succedere a Leonard Sorkin come primo violinista del Fine Arts Quartet con il quale ha effettuato tournées in tutto il mondo e registrato oltre 100 opere pubblicate in oltre 40 album diversi. Laureatosi con lode presso la prestigiosa Yale University e Fulbright Scholar a Londra, ha studiato con Szymon Goldberg e Nathan Milstein in Europa; successivamente ha vinto il primo premio in una serie di importanti competizioni americane, tra cui il Concert Artists Guild Competition a New York. Evans ha anche ricevuto riconoscimenti internazionali per il suo lavoro come compositore. Insegna violino e musica da camera al Mannes College of Music della New School University di New York.

Dominique de Williencourt, segnalato da Zino Francescatti e allievo di André Navarra, Philippe Müller, Marcel Bardon e Mstislav Rostropovitch, è stato invitato a suonare sui più importanti palcoscenici internazionali. Molto attivo anche come compositore, ha ricevuto commissioni di opere eseguite in Giappone, negli Stati Uniti e in Lituania. Le sue composizioni sono state incise in due cd monografici. Ha registrato inoltre, in veste di esecutore, cd con musiche di Schumann, Fauré e le “Variazioni su un tema rococò” di Ciajkovskij. Recentemente ha pubblicato un cd dedicato a Debussy. Direttore artistico di “Europ&Art”, una compagnia di produzione musicale, organizza dal 1994 crociere musicali Williencourt-Croisirama, collaborando con grandi artisti quali Yehudi Menuhin e Yuri Bashmet. Insegna al Conservatoire Supérieur di Parigi.

Michele Campanella, considerato internazionalmente uno dei maggiori virtuosi e interpreti lisztiani, ha affrontato in oltre 50 anni di attività molte tra le principali pagine della letteratura pianistica. La Società “Franz Liszt” di Budapest gli ha conferito il Gran Prix du Disque nel 1976, 1977 e nel 1998. Nel 1986 il Ministero della Cultura ungherese gli ha conferito la medaglia ai “meriti lisztiani”. Formatosi alla scuola pianistica napoletana di Vincenzo Vitale, Michele Campanella è un artista di temperamento assai versatile. Questa sua caratteristica lo ha portato ad avvicinare autori quali Clementi, Weber, Poulenc, Busoni, Rossini, Brahms, Ravel e Liszt. Ha suonato con le principali orchestre europee e statunitensi, collaborando con direttori quali Claudio Abbado, Aldo Ceccato, Gianluigi Gelmetti, Zubin Mehta, Riccardo Muti, Georges Prêtre. Negli anni recenti si è molto sviluppata l’attività di Michele Campanella in veste di direttore e solista con le più prestigiose orchestre italiane. All’attività di musicista, Campanella affianca quella di scrittore (Il mio Liszt. Considerazioni di un interprete, Bompiani). Nell’aprile 2018 a Michele Campanella è stata conferita dall’Università Federico II la laurea Honoris Causa in musicologia. Michele Campanella è Artista ufficiale Yamaha.

Biglietteria Teatro Manzoni
orario di apertura: martedì, mercoledì, giovedì, 16-19
venerdì e sabato, 11-13 e 16-19

Dove: Teatro Manzoni Corso Gramsci 127, Pistoia

Per informazioni:
0573 991609/27112
www.teatridipistoia.it

Fonte: Ufficio Stampa

Eventi simili