Cultura Empoli

giovedì 10 Settembre 2015

PLAM Progetto Letterario Artistico Musicale alla Torre dei Sogni

PLAM_lr

Plam alla Torre dei sogni

La Torre dei Sogni a Empoli (Fi) ospiterà, il prossimo 10 settembre, PLAM – Progetto Letterario Artistico Musicale ideato da Cristina Gallerini e da lei realizzato insieme a Tommaso Nobilio e Roberta Geri.

PLAM è un reading fatto di letteratura artistica e musica. Da una parte i testi tratti da saggi, dall’altra la musica.

PLAM si propone come format, come contenitore che si riempie di contenuti differenti ad ogni appuntamento. In questa occasione si parlerà di contemporaneità attraverso la fotografia e il video, parlando di “Mario Giacomelli e la sua visione del reale “ e di “Bill Viola: lo spazio e il tempo”.

Sarà la stessa Gallerini ad introdurre i due artisti. Roberta Geri leggerà brani tratti da saggi e interviste; la musica sarà presente per sottolineare e enfatizzare alcuni momenti della lettura.

“Con PLAM si è inteso operare la valorizzazione della letteratura artistica quale veicolo, da secoli, di comprensione e trasmissione dell’arte come fenomeno complesso. PLAM nasce dalla volontà e dall’esigenza intima di continuare a comprendere e trasmettere.”
Dichiara Cristina Gallerini, ideatrice del progetto e aggiunge:

“PLAM è per un pubblico interessato all’arte o da questa incuriosito. Non sono necessarie conoscenze artistiche strutturate e approfondite, volendosi PLAM presentare come spunto per sentire, riflettere, vedere e approfondire.”

Questa iniziativa rientra tra quelle che ospitiamo col piacere di dare inizio a collaborazioni con altre persone che hanno in comune con noi la voglia di proporre attività culturali a tema letterario, artistico, musicale.”  A parlare è Gilberto Colla, presidente di Plantago“È a questo tipo di iniziative che dedichiamo l’ultima parte dell’estate: sotto il nome di Lampi di Fine Estate si trovano infatti iniziative molto diverse tra loro, ma che ci consentono di avviare rapporti nuovi e, speriamo, ricchi di prospettive future.”

L’appuntamento per tutti è fissato quindi per giovedì 10 settembre alle 20 per l’apericena su prenotazione. Alle 21.30 avrà inizio il reading.

Per la partecipazione è richiesto un contributo pari a € 12 per apericena + reading e € 5 per un drink + reading.

Per informazioni e prenotazioni contattare il 335 1852368 o scrivere a prenotazioni@plantago.it

NOTE SUI CONTENUTI

Mario Giacomelli, catalogo critico di Arturo Carlo Quintavalle, Feltrinelli, Milano 1980

Mario Giacomelli (Senigallia 1925 – 2000) si può definire uno dei testimoni più significativi della fotografia, in Italia, e anche fuori, viste le mostre a lui dedicate, ancora dopo la morte nel 2000.

Arturo Carlo Quintavalle, storico dell’arte del Medioevo, che non ha ritenuto la fotografia e le arti più recenti difformi da altre arti, nel 1980 presentò in Giacomelli e la fotografia italiana il percorso fin lì compiuto dal fotografo e vi raccolse, tra gli altri contributi, un loro dialogo.

Arturo Carlo Quintavalle (Parma 1936) è’ stato allievo di Ragghianti e presso l’Università di Parma ha ricoperto il ruolo di professore ordinario di Storia dell’Arte, fondando qui il Centro Studi e Archivio della Comunicazione, che raccoglie la più ampia collezione pubblica di fotografie in Italia. Tra i maggiori studiosi di storia dell’arte medievale, si è occupato anche dei diversi aspetti della comunicazione visuale contemporanea: fotografia, fumetto, pubblicità, design e moda.

L’arte di Bill Viola, a cura di Chris Townsend, con saggi di Cynthia Freeland et al., Milano, Mondadori 2005.

Uno studioso del Cristianesimo, un docente di Filosofia, un progettista del Suono, un professore di Letteraura e Teologia. Questi alcuni degli autori dei saggi raccolti nel volume di Townsend, quasi a voler ribadire come l’arte di Bill Viola (N.Y. 1951) non sia solo una questione visiva e tecnologica ma abbia evidenti implicazioni anche nella sfera della spiritualità, veicolata da quelle coordinate – spazio e tempo – a cui l’uomo è da sempre sensibile.

Chris Townsend è professore presso il Department of Media Arts della Royal Halloway University of London. Tra i suoi studi anche i film di Man Ray, il Futurismo, la fotografia di Nan Goldin.
“Il mio progetto di ricerca – dice presentandosi – analizza il modo in cui gli artisti corrodono i confini tra i media o usano la tecnologia per estendere i limiti dell’esperienza soggettiva”.

CREDITS
PLAM è ideato da Cristina Gallerini e da lei realizzato insieme a Tommaso Nobilio e Roberta Geri

Scelta estratti e editing: Cristina Gallerini
Scelta e composizione musiche e editing : Tommaso Nobilio, Lorenzo Vezzali
Voce introduttiva: Cristina Gallerini
Lettura estratti: Roberta Geri
Riproduzione musica: Tommaso Nobilio

Cristina Gallerini è una storica dell’arte attiva tra il 2000 e il 2009 anche presso musei e istituzioni pubbliche; negli ultimi anni ha pensato a PLAM come possibilità di continuare a dedicarsi allo studio e alla trasmissione dell’arte.
Roberta Geri è una psicologa che, negli ultimi vent’anni, non ha mancato di dedicarsi a qualcosa che è più di una passione: lavora perciò anche nel teatro come attrice, performer e conduttrice di laboratori di espressione teatrale e di teatro sociale.

Tommaso Nobilio è un musicista polistrumentista e compositore da oltre trent’anni. Ha
lavorato per il teatro e il cinema, si occupa di musica sperimentale e ha accolto PLAM
per amicizia e per mettere ancora a frutto le potenzialità della musica.

Lorenzo Vezzali lavora come architetto, ma in un passato molto recente ha anche composto e suonato musica jazz come contrabbassista. Solo momentaneamente lontano dalla musica ne rimane appassionato conoscitore.

Dove: Torre dei Sogni  (via della Leccia ang. Via Poggiale – Empoli)

Fonte: Ufficio Stampa

Eventi simili