Teatro Prato

da sabato 3 Ottobre 2015 a venerdì 25 Marzo 2016

“Non dirlo. Il Vangelo di Marco” monologo di Sandro Veronesi alla Fondazione Teatro Metastasio Stabile della Toscana

NonDirlo_SandroVeronesi-ph LucaDelPia-5

“Non dirlo. Il Vangelo di Marco” monologo di Sandro Veronesi

Ad aprire gli appuntamenti del mese, al Teatro Magnolfi il 3 e il 4 novembre c’è Non dirlo. Il Vangelo secondo Marco, un monologo di Sandro Veronesi, (che firma anche l’omonimo libro appena edito da Bompiani) coprodotto dal Metastasio con il Festival di Spoleto. Una riflessione che interroga questo testo universale e apolide spremendone fino all’ultima stilla il succo segreto, che è una raffinata macchina da conversione sintonizzata sull’immaginario dei suoi destinatari e per questo è più simile ai film di Tarantino che ai testi con i quali gli altri evangelisti raccontano la stessa storia.

Subito dopo, dal 5 al 15 novembre al Teatro Metastasio, attingendo a uno tra i maggiori artisti e intellettuali italiani del XX secolo, Valerio Binasco restituisce una personale lettura in forma di “commedia quasi borghese” di Porcile di Pier Paolo Pasolini, prodotta dal Metastasio nel 40 anno dalla morte di PPP, interpretata dagli attori della Compagnia stabile insieme a Fulvio Cauteruccio, Franco Ravera e Pietro d’Elia.

È poi la volta di due drammaturghe di generazioni diverse e con differenti esperienze teatrali come Paola Bigatto e Lisa Capaccioli che si uniscono osservando con sguardo contemporaneo lo stile, la scrittura e le considerazioni di Virginia Woolf, grande mito letterario del ‘900, riadattando per la scena un suo saggio teorico sulla guerra (Le tre ghinee, scritto tra il 1936 e il 1937) che, interpretato da Elena Ghiaurov, racconta la Virtù dell’oscurità, in scena al Teatro Magnolfi dall’11 al 29 novembre.

Segue poi al Teatro Metastasio il 17 novembre, un concerto-spettacolo di Pippo Delbono, che percorre con Il sangue un viaggio musicale nella classicità del mito di Edipo trovando eco nelle cascate vocali di Petra Magoni.
Il 18 e 19 novembre al Teatro Fabbricone, c’è poi La notte, uno spettacolo-concerto di Pippo Delbono che assieme alla chitarra di Piero Corso si confronta per la prima volta con Bernard-Marie Koltès.

A chiudere gli appuntamenti del mese, dal 26 al 29 novembre al Teatro Metastasio, da ascrivere nell’ambito del ‘classico’, c’è un’inedita commedia amara di Arthur Schnitzler, Scandalo, cui danno voce Stefania Rocca e Franco Castellano diretti da Franco Però.

3 novembre, Teatro Fabbricone

17/20 dicembre – Magnolfi
22/25 marzo – Magnolfi

Fondazione Teatro Metastasio Stabile della Toscana
NON DIRLO. IL VANGELO DI MARCO
monologo di Sandro Veronesi
tratto dall’omonimo testo pubblicato da Bompiani
in collaborazione con Fosforo

“Non dirlo” è l’ordine che Gesù fa seguire a ogni miracolo che compie, la chiave del segreto di personalità che costituisce la trama della sua avventura terrena. Il Vangelo di Marco è il Vangelo d’azione, il primo, il più breve, il più imperscrutabile, quello in cui il segreto non si scioglie nemmeno alla fine. Sandro Veronesi spreme fino all’ultima stilla il succo segreto di questo testo e lo propone al pubblico nella sua scintillante modernità. Scritto a Roma per i romani, il Vangelo di Marco è, nel racconto di Veronesi, una raffinata macchina da conversione, sintonizzata sull’immaginario dei suoi destinatari e per questo più simile ai film di Tarantino che ai testi con i quali gli altri evangelisti raccontano la stessa storia.

Osservato con attenzione e ascoltato con abbandono, diventa una miniera di scoperte sorprendenti, che riportano il Cristianesimo alla sua primitiva potenza componendo il ritratto di un enigmatico eroe solitario, il cui sacrificio ancora oggi rappresenta uno sconvolgente paradosso: che ci sia bisogno della morte di un innocente per potersi liberare del proprio nulla. Questa non è una storia classica, non è composta né scritta in modo classico: qui si sta parlando di un rivoluzionario, un personaggio che è venuto a rivoltare il mondo, e Marco capisce che deve rivoluzionare anche il racconto.

Biglietti e abbonamenti:

www.metastasio.it/it/biglietti/

www.metastasio.it/it/biglietti/biglietteria-unica.asp

www.metastasio.it/it/biglietti/abbonamenti.asp

Come prenotare per telefono
0574/608501
Biglietteria Unica Teatro Metastasio
dal martedì al sabato
9.30/12.30 e 16.00/19.00
I biglietti devono essere ritirati entro 48 ore dalla prenotazione

Come prenotare per E-mail

comunico@metastasio.it
PER GLI SPETTACOLI DELLA STAGIONE
dal lunedì al venerdì 9.30-17.00.
Specifica:
NOME e COGNOME
NUMERO DI POSTI
EVENTUALI RIDUZIONI
PREFERENZA POSTI
La prenotazione sarà valida SOLO dietro ricevimento di conferma da parte del teatro.
I biglietti devono essere ritirati entro 48 ore dalla prenotazione.

Come prenotare per Facebook
www.facebook.com/metastasio
PER GLI SPETTACOLI DELLA STAGIONE
dal lunedì al venerdì 9.30-17.00.
Cerca la pagina fan del Met e prenota scrivendo un messaggio! Specifica:
NOME e COGNOME
NUMERO DI POSTI
EVENTUALI RIDUZIONI
PREFERENZA POSTI
La prenotazione sarà valida solo dietro ricevimento di conferma da parte del teatro.
Ricorda che i biglietti devono essere ritirati entro 48 ore dalla prenotazione

I teatri della Fondazione Teatro Metastasio Stabile della Toscana

Fabbricone
Via Targetti, 10/12 59100 Prato
tel. 0574-690962

Teatro Magnolfi
Via Gobetti, 79 59100 Prato
tel. 0574-442906
serviziocultura@comune.prato.it
www.magnolfinuovo.it

Fondazione Teatro Metastasio
Via B. Cairoli, 59 59100 Prato
tel. 0574-6084

Fonte: Ufficio Stampa

Eventi simili