rettangolo

Cultura Grosseto

Mostre visite guidate, letture al museo. Tutti gli eventi del fine settimana nei Musei di Maremma

Nei Musei di Maremma sarà un fine settimana ricco di eventi con l’inaugurazione di due grandi mostre e poi ancora letture e visite guidate. A Grosseto presso il Museo Archeologico e d’Arte della Maremma, Piazza Baccarini, sabato 8 giugno alle ore 18 inaugurazione della mostra – evento “Oltre il Duomo. Il pozzo del vano ipogeo e le sue ricchezze”. La mostra è organizzata dal Comune di Grosseto ed è il risultato di un progetto decennale, portato avanti dalla Diocesi e dalla Soprintendenza, che si sviluppa anche al di fuori del museo in un percorso che mette in rete diversi luoghi della città e del territorio: Grosseto, Roselle e Alberese. A seguire aperitivo al Museo e performance musicale jazz con Sergio Aloisio Rizzo trio feat. Stefano Cantini presso il Giardino dell’Archeologia di Via Ginori 43. La serata si concluderà al Museo di Storia Naturale con approfondimenti sul tema accompagnati da una tisana speziata. Nell’occasione la Cattedrale e il Museo saranno aperti fino alle ore 23. L’ingresso è gratuito.

A Vetulonia, Comune di Castiglione della Pescaia, domenica 9 giugno alle ore 18 al Museo Civico Archeologico Isidoro Falchi inaugurazione della mostra “Alalia, la battaglia che ha cambiato il corso della storia” e che rimarrà aperta fino al 3 novembre. Una mostra che ricostruisce la prima grande battaglia navale tramandata dalla storia e che si svolse intorno al 540 a.C al largo delle acque di Alalia, nello spazio tirrenico compreso fra la Corsica, l’Elba e il litorale toscano. Da una parte i Focei dall’altra la flotta etrusco – cartaginese. Lo scontro navale, secondo lo storico greco Erodoto, terminò senza vincitori né vinti, ma sancì la spartizione delle isole del Tirreno fra le potenze marittime dell’epoca assegnando la Corsica agli Etruschi, la Sardegna ai Fenici di Cartagine e la Sicilia insieme al Sud Italia ai Greci. Il percorso espositivo oltre ad un allestimento scenografico di grande suggestione, presenta centocinquanta reperti di straordinario valore scientifico e artistico. Prestiti provenienti dal Museo di Aleria in Corsica, dall’Antiquarium Arborense di Oristano e alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Sassari e Nuoro, dal Museo Archeologico Nazionale di Firenze, e dal Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia di Roma. Immagine simbolo della mostra un pezzo unico, straordinario, rappresentato dal vaso greco (un dinos) decorato a figure nere tra cui una nave, che esibisce la firma di Exekìas, il padre della ceramografia attica, del quale si contano poco più di dieci firme ad oggi conosciute in tutto il mondo.

Nella zona del tufo venerdì 7 giugno proseguono a Pitigliano le Letture al Museo. Appuntamento alle ore 17 al Parco Archeologico all’aperto Manzi con “Il rumore del silenzio. Una storia per sempre” di Marta Spigaglia. A seguire degustazioni di cioccolato a cura di Paolo Rufo.

Sempre a Pitigliano sono in programma due visite guidate al Museo Archeologico all’aperto Alberto Manzi sabato 8 giugno alle ore 14.30 e alle 16.30. Costo 7 euro adulti e 5 i ragazzi fino a 14 anni. Info e prenotazioni: tel. 3356039081, e-mail. museo@comune.pitigliano.gr.it

Ci spostiamo a Sorano al Parco Archeologico “Città del tufo” sempre sabato 8 giugno visita guidata a “Vitozza. La città della pietra”, imponente borgo medievale disabitato di cui rimangono i ruderi di una chiesa, due fortificazioni e grotte rupestri. Partenza alle 10.30 dalla Piazza Triste a San Quirico di Sorano. Costo della visita 7 euro, consigliata la prenotazione al numero 0564633099, e-mail: info@leviecave.it

A Porto Santo Stefano sabato 8 giugno alle ore 18 al Centro Studi Don Pietro Fanciulli, Via Scarabelli 16 ingresso libero, Fulvia Perillo presenta la sua ultima fatica letteraria “Metteva l’amore sopra ogni cosa”, edito dalla Effigi di Arcidosso. Una serie di racconti che hanno come location la Grosseto degli anni Sessanta e come colonna sonora gli indimenticabili 45 giri dell’epoca. Attraverso i piccoli fatti della vita quotidiana l’autrice costruisce i lineamenti di personaggi che conducono ad una profonda riflessione sui temi esistenziali comuni a ciascuno di noi. Un mondo provinciale raccontato con una sottile e accattivante ironia.

Info: www.museidimaremma.it

Fonte: Ufficio Stampa

Eventi simili