Spettacoli Livorno

mercoledì 2 Settembre 2015

Manuela Custer in concerto al Livorno Music Festival

manuela-custer-foto1

Manuela Custer

Mercoledì 2 settembre ore 21, nella Chiesa di San Ferdinando (“Crocetta”), il Livorno Music Festival propone il concerto di Manuela Custer, mezzo soprano, Francesco Loi, flauto, Kateryna Banny (Ucraina), violoncello (Classe Vittorio Ceccanti),Diego Mingolla, pianoforte.

Musiche di Faurè, Gourney, Ravel,Debussy.

Costo Biglietti:
€ 12 intero, € 7 ridotto (10 – 16 anni, soci Amici della Musica)
La biglietteria apre 30 minuti prima, nel luogo dei concerti
Per informazioni: 3393422139 ; www.livornomusicfestival.com
LivornoMusicFestival 2015 – Direttore Artistico Vittorio Ceccanti

Manuela Custer
Nata a Novara, ha debuttato con “Elisabetta regina d’Inghilterra “di Rossini al Teatro Regio di Torino, dove è ritornata come Cherubino in “Nozze di Figaro” e successivamente con: “Cenerentola” di Rossini con la regia di Luca Ronconi, “Les Contes d’Hoffmann” (Nicklhausse) diretta da Emmanuel Villaume con la regia di Nicolas Joel e “Tancredi” con la regia di Yannis Kokkos. Inizia subito una carriera internazionale che la vede esibirsi a: Lucerna (“L’enfant et les sortileges” diretta da Viotti), Montecarlo (“Così fan tutte” diretto da Accardo), Verona, Genova e Lille (Nicklausse in “Les contes d’Hoffmann” diretta da Bonynge), Venezia e Salisburgo (“Juditha Triumphans” di Vivaldi diretta da Scimone), al Festival di Istanbul (“Orfeo” di Bertoni diretto da Scimone e “Bajazet” di Vivaldi diretto da Biondi, regia di Pizzi), Konzertgebouw di Amsterdam e Chigiana di Siena (“Giustino” e “Arminio “di Vivaldi diretti da Curtis, “Orlando furioso” e “Juditha Triumphans” di Vivaldi diretto da Marcon, “Guillaume Tell” diretta da Olmi), Festival di Martina Franca (“La Zingara” di Donizetti), Festival Internazionale di Edimburgo (“Zelmira” di Rossini per Opera Rara), Teatro Filarmonico di Verona (“Barbiere di Siviglia” con Florez), Festival di Ambronet, Opera di Roma (“Faust” e “Capuleti e Montecchi”), Maestranza di Siviglia (“Incoronazione di Poppea” con la regia di Vick e diretta da Rousset), Théâtre des Champs-Elysèes di Parigi (“Orlando finto pazzo” di Vivaldi, “Anna Bolena”), Royal Festival Hall di Londra (“Pia de’ Tolomei” con Opera Rara), Rossini Opera Festival di Pesaro (“Il Vero omaggio” e “La Gazzetta” con la regia di Fo, “La gazza ladra”), Petruzzelli di Bari, Massimo di Palermo e Opéra de Lyon (“Anna Bolena”), Theatre Royal Drury Lane di Londra (“Il diluvio universale” di Donizetti con Opera Rara), Wiener Konzerthaus (“Bajazet” di Vivaldi con Biondi ed Europa Galante, ripreso anche a Yokohama), Fenice di Venezia (“Didone” di Cavalli diretta da Biondi, “Olimpiade” di Galuppi diretta da Marcon, “Il Barbiere di Siviglia”, “Requiem” di Mozart), Michigan Opera Theatre di Detroit (“Il Barbiere di Siviglia”), Accademia di Santa Cecilia, Sala Verdi di Milano ed il Teatro Cervantes di Malaga, Scala di Milano (“La damoiselle élue” di Debussy diretta da John Eliot Gardiner e “Didone” di Cavalli), Festival di Granada, Palau de la Musica di Barcelona e La Zarzuela di Madrid (“Il califfo di Bagdad” diretto da Rousset), Gewandhaus Leipzig (“Petite messe solennelle” diretta da Riccardo Chailly), Dallas Opera (“Italiana in Algeri”), Baden Baden (“Juditha Triumphans”), Palma de Mallorca (“Faust”), Cordoba, Comunale di Firenze (“Italiana in Algeri”), Bilbao (“Falstaff”), St. Gallen (“Il diluvio universale”), Sassari (“Barbiere di Siviglia”). Manuela Custer ha confermato di recente la sua versatilità di artista anche nel campo del repertorio contemporaneo sia con la “Sankt-Bach Passion” di Kagel alla Gewandhaus di Lipsia diretta da Luisi e con l’acclamatissima piéce “Le bel indiferent” di Tutino con la regia di Livermore per il Teatro Stabile di Torino, per il quale ha anche interpretato “Canti dall’inferno”, ripreso anche al Festival dei due mondi di Spoleto.

Francesco Loi
nasce a Uta in Sardegna nel 1975, si avvicina giovanissimo al flauto ed ottiene il diploma con il massimo dei voti al conservatorio di Cagliari sotto la guida di Salvatore Saddi. Nel 1994 incontra Massimo Mercelli e comincia uno studio flautistico e musicale che lo porta a suonare in molti festival e rassegne, a vincere concorsi e a superare l’audizione per entrare al Conservatorio Superiore di musica di Ginevra nella classe di Maxence Larrieu dove ottiene, due anni dopo, il Premier Prix de virtuosité avec distinction.

Da allora ha vinto numerosi concorsi, tra i quali: il concorso Ponchielli a Cremona, il Concorso Yamaha a Milano, il prestigioso Cilea di Palmi. La sua attività solistica lo ha portato a suonare con importanti orchestre come “I Solisti Aquilani, l’orchestra “Camerata strumentale città di Prato”, I “Deutchekammervirtuosen”, l’orchestra del teatro “Carlo Felice” di Genova e la “Orpheus chamber Orchestra” di New York. Si è esibito per gli “amici della musica “ di Firenze, il festival “da Bach a Bartok” di Imola, gli “amici della musica” di Bologna, il Teatro Massimo di Palermo,il festival della musica di Erl in Austria, il festival dell’emilia romagna.

Ha tenuto concerti in Francia, Svizzera, Austria, Germania, Cina, Giappone, Cuba. Dal 1995 al 1997 è stato primo flauto dell’Orchestra Giovanile Italiana. Vincitore del concorso internazionale di primo flauto nell’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, è stato invitato a ricoprire lo stesso ruolo, anche al Teatro S. Carlo di Napoli, al Teatro Comunale di Bologna, al Teatro dell’Opera di Roma, al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, nell’Orchestra Filarmonica Arturo Toscanini, al teatro dell’opera di Parma, nell’orchestra Mozart di Claudio Abbado, nell’orchestra Filarmonica e del Teatro alla Scala di Milano e nell’orchestra Sinfonica Nazionale di S.Cecilia a Roma La sua attività da primo flauto lo ha portato a esibirsi sotto la direzione fra gli altri di Carlo Maria Giulini, Riccardo Muti, Lorin Maazel, Zubin Metha, Eliahu Imbal, Giuseppe Sinopoli, Daniel Harding, Myung-Whun Chung, Alexander Vedernikov, Franco Rossi, Daniel Oren, Juanjo Mena, Fabio Luisi, Rafael Frühbeck de Burgos e Gary Bertini.

E’ Artista ospite del FALAUT festival , rassegna internazionale sul mondo del flauto che vede fra i suoi ospiti anche Emmanuel Pahud ,Maxence Larrieu e Sir James Galway. Da gennaio a Maggio 2011 ha ricoperto, su invito di Davide Formisano, il posto di primo flauto al Teatro Alla Scala di Milano. Invitato della prestigiosa Muramatsu Flute Incorporated ha tenuto nel settembre 2011 una Master Class all’università di Senzoku a Tokyo. Insegna a Genova presso la scuola musicale Giuseppe Conte.

Diego Mingolla
Si è diplomato a Torino studiando con i maestri Occelli e Gachet per poi perfezionarsi con Elio Battaglia presso la Scuola Superiore per Pianisti Accompagnatori “H. Wolf” di Acquasparta e con Helmuth Deutsch e Antonio Ballista a Milano. Sempre a Torino si è laureato con lode in Discipline dello spettacolo. Specializzato nella prassi esecutiva di musica vocale da camera e opera vanta importanti collaborazioni artistiche con Mirella Freni, Fiorenza Cossotto, Lucio Gallo, Barbara Frittoli, Rockwell Blake, Manuela Custer e Alessandro Corbelli. Apprezzato come pianista di scena ha preso parte a numerose produzioni teatrali in veste di interprete, compositore, arrangiatore e consulente musicale lavorando, tra gli altri, con Davide Livermore, Willy Landin, Arturo Brachetti e John Turturro.

BE’stato assistente e maestro sostituto per il Coro dell’Università degli Studi di Torino. Dal 2005 inizia la collaborazione col m° U. Nespolo in veste di consulente musicale e autore delle colonne sonore per i suoi cortometraggi.Ha realizzato l’arredo sonoro della metropolitana automatica di Torino, della mostra “La passione e l’arte” allestita nel complesso museale di Santa Maria della Scala in Siena e ha partecipato all’allestimento del MUSLI Museo della Scuola e del Libro per l’Infanzia di Torino. Ha vinto il Premio del Pubblico al 6° Concorso Europeo organizzato nell’ambito del festival “Strade del Cinema” dedicato al cinema muto accompagnato dal vivo.. E’ pianista nell’ Orchestre de Chamber de les Hautes Alpes diretta dal m° Jean-Christoph Keck. Ha partecipato alla National Orchestra of India’s 12th Celebrity Season, organizzata dal NCPA (National Centre for Performings Art) di Mumbai in qualità di chorus master e korrepetitor per “Cavalleria rusticana”, “I pagliacci” e “Carmina burana” in scena al Jamshed Bhabha Theater di Mumbai.

E’ stato ospite della Orchestra “Philarmonica” e del coro “Chapella” di Stato del Kazakistan esibendosi come solista, concertatore e direttore nella stagione 2012/2013. Per lo stesso organico ha composto “Psalm 150″ eseguito in prima assoluta nel concerto inaugurale della stagione. Ha inciso “Glocal Sound – piano works, “Ailleurs” dedicato alla musica vocale da camera del Novecento e “Off stage” dedicato alla memoria di Walter Baldasso.

 

Fonte: Ufficio Stampa

Eventi simili