rettangolo

Spettacoli Lucca

da domenica 19 gennaio 2020 a domenica 29 novembre 2020

La Stagione cameristica dell’Associazione Musicale Lucchese, arrivano i grandi interpreti della musica da camera internazionale

Le strade della musica classica portano a Lucca i grandi interpreti della scena internazionale per la 56a edizione della Stagione cameristica dell’Associazione Musicale Lucchese. Il primo appuntamento è previsto per domenica 19 gennaio 2020, come sempre alle 17 all’Auditorium “Boccherini”.

Il cartellone è stato presentato questa mattina, mercoledì 11 dicembre, dal presidente dell’Associazione, Marco Cattani, e dal direttore artistico, Simone Soldati, insieme all’assessore alla cultura del Comune di Lucca Stefano Ragghianti, nella Sala De Servi della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, da sempre prima sostenitrice dell’attività dell’AML.

«Cinquantasei anni di storia sono tanti, ma l’AML continua a crescere e diventa sempre più internazionale», ha esordito Cattani, al quale ha fatto seguito Ragghianti che ha sottolineato: «Cinquantasei è davvero un bel numero, vuol dire essere parte della storia culturale e musicale di questa città». È stato Soldati a entrare nel dettaglio della Stagione, «che ha aperto un dialogo con realtà di profilo internazionale e ci consente di avere un cartellone importante e una situazione dinamica, una progettualità continua che si riverbera su tutte le attività dell’Associazione».

Un programma, quello della Cameristica, ricco di grandi firme che proporranno un repertorio affascinante e inconsueto. Il concerto inaugurale è affidato allo straordinario virtuosismo del pianista Giuseppe Albanese, che ritornerà a Lucca per presentare il suo ultimo lavoro discografico con Deutsche Gramophone dedicato ai temi di danza. Prima volta in Stagione, invece, per l’Oboe Quartet dei Berliner Philharmoniker (22 novembre 2020) con musiche di Cimarosa, Mozart e Beethoven e per il Philharmonia Chamber Players (23 febbraio), gruppo cameristico della storica Philharmonia Orchestra di Londra, nell’occasione affiancato dal violista Francesco Fiore con la presenza di due grandi solisti come Gabriele Pieranunzi al violino e Jin Ju al pianoforte (musiche di Dvorak, Ravel, Chausson). Questo concerto sarà dedicato alla memoria di Bruno Vangelisti, grande uomo di cultura, tra i fondatori dell’AML, del quale nel 2020 ricorreranno i 100 anni dalla nascita.

Saranno ospiti della Stagione gruppi cameristici formati da altri celebri interpreti come il pianista Davide Cabassi (Top Prize al Concorso Van Cliburn), la violinista Elena Faccani, tra i primi violini dell’Orchestra del Teatro alla Scala, e il cornista Achille Fait (26 gennaio, musiche di Schumann e Brahms); il trio formato da Gabriele Mirabassi al clarinetto, Enrico Bronzi al violoncello e Gioia Giusti al pianoforte (2 febbraio, musiche di Brahms). E poi ancora il Quartetto Adorno, fresco vincitore del Premio “Una vita nella musica – Giovani” al Teatro La Fenice di Venezia, che prosegue l’integrale dei Quartetti di Beethoven, e Roberto Prosseda (9 febbraio), musicista che ha costruito la sua fama a livello internazionale anche grazie al grande lavoro di ricerca fatto su Felix Mendelssohn. Ci sarà anche la pianista Leonora Armellini con il suo amato Chopin (15 novembre 2020) e non mancherà il consueto omaggio a Boccherini, grazie alla sempre affascinante chitarra di Giampaolo Bandini con il Quartetto Adorno.
Chiusura della Stagione, il 29 novembre, nel segno dei giovani, con il duo pianistico formato da Elia e Betsabea Faccini, che si sta affermando come una delle realtà emergenti di maggiore spessore e interesse.

A margine della presentazione anche qualche anticipazione sul 2021 con un programma dedicato agli 80 anni dalla prima esecuzione del Quartetto per la fine del tempo di Messiaen nel giorno della prima esecuzione (15 gennaio 2021), un progetto dedicato al “viaggio” e agli anniversari di Dante e Piazzolla. In via di definizione anche un concerto con un gruppo da camera dell’Orchestra del Concertgebouw di Amsterdam.

Un cartellone ricchissimo, dunque, che inizia a gennaio e prosegue verso l’appuntamento primaverile con Lucca Classica, al quale si unisce a una rinnovata attenzione al pubblico. Con il 2020, infatti, l’Associazione Musicale Lucchese lancerà una nuova campagna di abbonamenti. Per i concerti della Stagione cameristica l’abbonamento costerà 100 euro, mentre dal 2020 la tessera di Socio sostenitore avrà un costo (ridotto rispetto agli anni passati) di 150 euro e potrà essere sottoscritta anche da aziende, associazioni di categoria, ordini professionali e così via. Questa tessera garantirà l’accesso a tutti gli eventi della Stagione cameristica e a quelli serali a pagamento del Lucca Classica Music Festival, oltre a una serie di benefit sociali.

La Stagione cameristica è realizzata con il contributo di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Comune di Lucca, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Fondazione Banca del Monte di Lucca; il patrocinio di Prefettura di Lucca, Regione Toscana e Provincia di Lucca e la collaborazione di Istituto Superiore di Studi Musicali “Luigi Boccherini”, Teatro del Giglio, Fondazione Giacomo Puccini, Centro Studi Giacomo Puccini, Centro Studi Luigi Boccherini.
Sostengono la Stagione: Akeron, Wolters Kluwer CCH Tagetik, Istituti Scolastici Esedra, Acqua Silva, Caffè Bonito, Cartografica Galeotti, Del Monte, Ego Fitness, Farmacia Novelli, Francesconi, Assicurazioni Generali (Lucca), Guidi Gino, Hotel Ilaria & Residenza dell’Alba, I gelati di Piero, LDM, Lucar TM – Concessionario Toyota, Toscotec, Unicoop Firenze.
Media partnership dell’AML per il 2020: Bell’Italia, Gardenia, Rai Radio 3, (per Lucca Classica Music Festival: Rai 5, Rai Cultura).

Fonte: Ufficio Stampa

Eventi simili