rettangolo

Teatro Firenze

da venerdì 11 giugno 2021 a sabato 12 giugno 2021

La Follia Dino Campana alla Galleria Zuc

“Quando leggo Dino Campana non di rado mi capita di perdermi come in una lunghissima passeggiata nella campagna toscana, e poi d’un tratto quando credo di essere riabilitato dai sensi mi accorgo di essere nella Pampa… Questo è il potere e la magia di una parola, quella di Campana, amica ma sempre a distanza giusta per farsi osservare mentre ci attraversa in un’enantiodromia che prima accarezza e poi invade con una visione piena, vigorosa e sensuale dei significati.” F.Frittelli

dai Canti Orfici

Restituzione Vocale Filippo Frittelli
Suono/Arpa Annamaria De Vito

11 e 12 giugno dalle 20
Apertura Galleria ZUC
ore 21
Performance

LIBERO ACCESSO

Galleria Zuc
Via Montebello 22r Firenze

Annamaria De Vito

Annamaria De Vito si è diplomata in Arpa presso il conservatorio di musica L. Cherubini di Firenze sotto la guida della professoressa Elisabetta Rossi, successivamente ha studiato con C. Antonelli (presso la Scuola di musica di Fiesole) , C. Michel (in Germania e a Nizza in Francia) , J. Liber (a Firenze) ed infine con E .F. Binoche( a Nizza in Francia). Si è esibita in Italia, in Germania (Sondershousen)e in Francia (Nizza) .Si è classificata al terzo posto al concorso nazionale città di Tortona nel 1992 e al secondo posto al concorso internazionale “Rovere d’oro”nel 1993. Ha ottenuto nel 1994 l’idoneità per l’Orchestra Giovanile Italiana ed ha cominciato a collaborare con varie associazioni culturali. Aperture di mostre di pittura, presentazioni di libri sono stati gli scenari che hanno visto Annamaria De Vito solista ed interprete di pagine di musica classica per arpa a pedali. Sono inoltre da ricordare le esibizioni in qualità di solista presso il Piccolo del Teatro Comunale di Firenze per festeggiare il compleanno del poeta Mario Luzi, al teatro Comunale di Figline Valdarno, al Teatro del Giglio di Lucca presentando “Estrella” una composizione del maestro Pietro Rigacci, nella chiesa di S. Giovannino dei Cavalieri di Firenze dove Annamaria De Vito si esibì nel concerto di G.F.Haendel per Arpa e orchestra (Orchestra Ricercare Strumentale Italiano) , nella sala dei convegni della Cassa di Risparmio di Firenze collaborando con la Camerata dei Poeti . Arpista del gruppo De Pookan nel 1994 ha inciso il cd intitolato De Pookan con la Multipromo di Fiesole-Fi e sono da ricordare i concerti nel modenese , a grosseto e il Rock Contest del 1994. Dal 2008 compone per arpa ed esegue regolarmente le sue composizioni . Si ricorda del 2010 l’esibizione presso la chiesa di San Marco per il conferimento da parte della Associazione Beato Angelico per il Rinascimento della medaglia “Beato Angelico”all’artista Massimo Ranieri.In quella occasione Annamaria De Vito propose pagine del suo repertorio ed improvvisò, cosa che è solita fare nelle sue esibizioni. Nel 2013 ha inciso un nuovo cd dal titolo “Profondo canto e luce”sempre con la Multipromo di Fiesole-Fi Il cd nasce dopo una lunga collaborazione con l’Associazione Beato Angelico per il Rinascimento di Firenze Attualmente collabora con le chiese fiorentine proponendo la sua produzione musicale collabora con la Multipromo di Fiesole con la quale ha inciso un nuovo cd dal titolo “Inside”nel 2017, in questo cd si esibisce in qualità di solista con brani suoi ed improvvisazioni. Annamaria De Vito si esibisce spesso in chiesa in qualità di solista e in formazioni da camera. Dal 2018 collabora inoltre in duo con l’attore e regista Filippo Frittelli e in trio denominato La Sposa Infedele con il soprano Stefania Renieri e l’attore Filippo Frittelli .

FILIPPO FRITTELLI
Filippo Frittelli, classe 1973, è scrittore, regista e attore di teatro. Non ha una formazione artistica vera e propria, né ha iniziato da giovane, ma il suo lavoro mostra tutti i segni di una grande anima e di un talento sopra il comune. (La Nazione, Umberto Guidi)

Fiorentino, laureato in economia e commercio, inizia nel 2000 una florida carriera aziendale. La morte del fratello minore nel 2001 per un tumore cambia i suoi valori guida. Si avvicina all’arte, in primisi la scrittura, come luogo di denuncia del proprio dolore e amore per il fratello scomparso, e come rifugio da un mondo del lavoro, sordo, insensibile, goffo, che durante il giorno lo ferisce e lo sconcerta.

Frutto di questo periodo è il romanzo d’esordio “Anarchia in casa mia”, Giraldi Editore. Parallela alla scrittura è la passione per il teatro. Nel 2006 nascono i primi testi teatrali, fra i quali “Commedia Necessaria”, “Ora Pro Nobis” che vengono rappresentati in realtà minori del mondo della ricerca. Inizia anche un percorso come attore, basato sull’incontro con Eugenio Barba e l’Odin Teatret, un teatro dove più che la parola è il corpo a parlare, un teatro internazionale, senza tempo, contaminato da ogni tipo di cultura, al contatto con le origini della nostra civiltà.

Dopo diverse avventure teatrali nel 2011 fonda la compagnia Underwear Theatre . Selezionato come regista emergente dal Fringe della Regia, Milano 2014, i suoi lavori in qualità di drammaturgo e regista sono stati fino ad oggi ospitati in festival nazionali e internazionali (Fringe Festival Roma, Die Mauer Arte contemporanea Torino, Avignone off, Notti blu europee).

Filippo Frittelli conduce un laboratorio permanente a Firenze lavorando con giovani e meno giovani in centri autogestiti, con forte impegno sociale.

“Il nostro teatro comincia dall’addio. Underwear Theatre è una compagnia profondamente ispirata dalla trans-azione, non è necessario un testo per fare teatro, non è necessario un teatro per fare teatro e nemmeno delle luci per illuminare, è necessario un attore, attore è l’anagramma di teatro, senza l’attore non c’è teatro.” F.F.

dino_campana

Fonte: Ufficio Stampa

Eventi simili