rettangolo

Cultura Arezzo

da venerdì 17 maggio 2019 a domenica 3 novembre 2019

Il prospettografo di Leonardo Proseguono le celebrazioni leonardiane del MUMEC

Il secondo tema affrontato per le Celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci dal MUMEC Museo dei Mezzi di Comunicazione sarà in collaborazione con l’Accademia Petrarca di Lettere, Arti e Scienze di Arezzo nell’ambiente della “Casa del Petrarca” (in via dell’orto 28): venerdì 17 maggio alle 17:00 si svolgerà la presentazione del “PROSPETTOGRAFO” di LEONARDO, strumento disegnato, descritto e da lui stesso usato per la realizzazione dei 60 disegni riportati nell’opera “De Divina Proportione” di Luca Pacioli e per le sue esperienze sulla PROSPETTIVA.

Dalle indicazioni, ricavate dal Codice di Leonardo, Fausto Casi e Bruno Bruni, curatori della mostra, hanno ricostruito, in scala usabile, la macchina PROSPETTOGRAFICA LEONARDIANA, che potrà essere provata dal visitatore curioso seguendo le indicazioni fornite dallo stesso MUMEC e disponibili accanto allo strumento sia in italiano che in inglese.

Per il giorno venerdì 17 MAGGIO 2019, alle ore 17:00, durante la serata presentata dal Presidente dell’Accademia Giulio Firpo e dal Direttore del MUMEC Valentina Casi, seguirà la descrizione da parte di Fausto Casi Curatore Scientifico del MUMEC del PROSPETTOGRAFO; quindi l’intervento degli studiosi di Leonardo David Turrini dell’Università di Ferrara ed Emanuela Ferretti dell’Università di Firenze sul tema: “complessità e contraddizione nel progetto Leonardiano”.

A seguire verrà “scoperto” e presentato il modello in legno della macchina PROSPETTOGRAFICA di Leonardo, piazzato nel chiostro di ingresso della Casa del Petrarca, a disposizione dei Presenti e dei futuri visitatori che, ad ingresso libero fino al 3 novembre, potranno fotografare, provare e costatare il sistema per risolvere la PROSPETTIVA di oggetti qualsiasi, rappresentati secondo l’indicazione di Leonardo da una SFERA ARMILLARE (strumento scientifico usato per la rappresentazione miniaturizzata del COSMO).

A sorpresa dei presenti sarà quindi visibile in scala reale anche il raro strumento, rappresentante la SFERA CELESTE, che Leonardo ha disegnato ed ora indicato, nel VETRO, come risultato prospettico visibile dal foro oculare da chiunque voglia fare questa esperienza. Se poi il curioso vorrà fotografare dal foro ottico questa realtà prospettica, potrà portarsi a casa il ricordo di una scoperta che oltre 500 anni fa ha fornito le indicazioni per realizzare i più importanti capolavori della storia dell’arte e della scienza dal Rinascimento in poi. Auspichiamo come MUMEC, ente realizzatore di questa proposta scientifica e artistica, che queste immagini siamo fatte girare nei social network come simpatico invito agli “amici”, ad esempio di Facebook, Instagram o di altra famiglia che si voglia con l’bashtag ufficiale: #mumec

Per informazioni:

Prof. Fausto Casi
Curatore Scientifico del MUMEC – Museo dei Mezzi di Comunicazione,
del Comune di Arezzo Via Ricasoli, 22 – 52100 AREZZO
www.museocomunicazione.it
tel. 0575 377662
cell.3479475345

Fonte: Ufficio Stampa

Eventi simili