rettangolo

Spettacoli Pisa

sabato 14 settembre 2019

Concerto per la rassegna di Anima Mundi: Coro Costanzo Porta, Ensemble Cremona Antiqua, Antonio Greco, direzione

Nuovamente in Cattedrale sabato 14 settembre alle ore 21,00 per l’appuntamento ormai tradizionale con le prospettive moderne della musica sacra: il Coro Costanzo Porta e l’Orchestra Cremona Antiqua, diretti da Antonio Greco presenteranno la prima esecuzione assoluta del lavoro vincitore della XII edizione del Concorso Internazionale di Composizione Sacra Anima Mundi. Quest’anno il premio è andato a Gabriele Caselli che ha musicato l’inno Ubi càritas et amor con l’impiego di un coro a 4 voci miste, 2 violini, violoncello, contrabbasso e organo. Pisano, classe 1980, studia pianoforte e composizione a Lucca e a Sassari, contrappunto rinascimentale a Torino, composizione di musica per film alla Chigiana di Siena. E’ autore anche di colonne sonore.

ANIMA MUNDI
XIX Rassegna Internazionale di Musica Sacra
Direzione artistica di Daniel Harding
Pisa, 7/20 settembre 2019

Cattedrale, sabato 14 settembre, ore 21:00

Coro Costanzo Porta
Ensemble Cremona Antiqua
Antonio Greco, direzione

Gabriele Caselli, Ubi caritas et amor
Brano vincitore della XII edizione del Concorso di composizione Anima Mundi

Claudio Monteverdi, estratti da Madrigali guerrieri, et amorosi, Messa a quattro voci et salmi, Selva morale et spirituale
Salomone Rossi, Quarto Libro de Varie Sonate: nn. II, IV, VIII

Nello stesso programma la musica del ventunesimo secolo si confronta con un periodo fra i più cruciali nella storia della musica europea, il passaggio dal Rinascimento all’età barocca, con opere di Claudio Monteverdi e Salomone Rossi.

Le pagine di Monteverdi che qui si alternano a tre Sonate di Rossi risalgono tutte al suo ultimo periodo: a quando cioè, abbandonata Mantova, si era insediato a Venezia come maestro di cappella in San Marco. Una di esse è esclusivamente strumentale, ed è l’introduzione ai Madrigali guerrieri, et amorosi, l’ottavo dei suoi libri di madrigali, pubblicato nel 1638. Al 1641 risale invece l’ultima raccolta di lavori sacri, alla quale Monteverdi stesso attribuì il titolo suggestivo, e molto seicentesco, di Selva Morale et Spirituale. La Messa a quattro voci fa parte di una raccolta postuma, assemblata nel 1650 da Francesco Cavalli, allievo ed erede spirituale di Monteverdi.

Di Salomone Rossi in programma pezzi dal Quarto libro di varie sonate, sinfonie, gagliarde, brandi, e correnti pubblicato nel 1622, attraverso i quali si conferma musicista di grande estro e sperimentatore formidabile, snodo importantissimo dell’ascesa della musica strumentale che nella seconda parte del secolo avrebbe visto un trionfo italiano su scala continentale non meno folgorante di quello già conseguito dal melodramma. Con il risultato di configurare la penisola, con i suoi molteplici e autonomi centri culturali, come il laboratorio più fecondo e fertile di idee di tutta la musica europea, per i duecento anni straordinari compresi fra la metà del Cinquecento e quella del Settecento.

Il Coro Costanzo Porta è nato nel 1993 a Cremona dalla passione per la polifonia e la coralità del suo fondatore e direttore Antonio Greco, il quale ha dato inizio a ciò che è via via diventato un centro di produzione artistica e formazione permanente, con la costituzione della Scuola di Musica Costanzo Porta e dell’Orchestra Cremona Antiqua. Nasce infatti nel 2004 su iniziativa di Antonio Greco il gruppo strumentale Consort Costanzo Porta, che in seguito assume la denominazione di Cremona Antiqua. Prosegue, unitamente al Coro, l’esplorazione del repertorio barocco, inteso nella sua più larga accezione, dal primo Seicento italiano al pieno Settecento, mantenendo caratteristiche di grande flessibilità nella scelta di programmi e dei relativi organici.

Il progetto dell’Arcidiocesi di Pisa-Caritas Diocesana che è possibile sostenere in questa occasione è Cittadella della Solidarietà, l’emporio di generi alimentari e non che la Caritas diocesana di Pisa gestisce totalmente con risorse proprie per rispondere alla domanda di sostegno sempre crescente delle famiglie impoverite dalla crisi. Un “piccolo mercato”, dove tutto ha un valore ma niente ha un prezzo, che offre un sostegno indiretto al reddito, è capace di recuperare, sottraendolo allo “spreco” e di redistribuire nel circuito della solidarietà tutto quello che, ancora integro, sarebbe andato distrutto

L’ingresso ai concerti è gratuito con biglietto. I biglietti disponibili con la prenotazione online sono esauriti. Il voucher dovrà essere convertito con il regolare biglietto di ingresso presso la biglietteria Anima Mundi al Museo delle Sinopie, il giorno del concerto dalle ore 10 alle ore 19.30. A partire dalle ore 19.30 di ogni giorno di concerto i biglietti non ritirati verranno rimessi in distribuzione per il concerto della serata solo presso la segreteria Anima Mundi.

Per informazioni:
www.opapisa.it
animamundi@opapisa.it

Antonio Greco

Fonte: Ufficio Stampa

Eventi simili