rettangolo

Sagre e Feste Lari

venerdì 31 luglio 2020

Collinarea Festival 2020 programma 31 luglio: Livia Grossi, My!Laika side Kunst Cirque, Dead Visions

Penultima intensa giornata di programmazione per Collinarea, il festival di teatro, musica, cinema e arti performative a cura di Scenica Frammenti nel meraviglioso borgo di Lari (PI), giunto alla sua ventiduesima edizione.

Venerdì 31 luglio alle ore 19 in piazza Matteotti si comincia con il laboratorio di percussioni per bambini Roberto Kirtan Romagnoli.

Alle ore 20 al Castello dei Vicari, in un evento unico per Collinarea 2020, è la volta dei Dead Visions. Capitanata da Francesco Mandelli, noto come attore, sceneggiatore, regista, scrittore e conduttore televisivo ma già alle prese con la musica più volte, la band presenta in uno spettacolo-concerto acustico il loro disco d’esordio uscito a maggio dal titolo shakespeariano “A Sea of Truble”.

Alle ore 21 nel Giardino del Comune la giornalista storica collaboratrice del Corriere della Sera Livia Grossi presenta in prima per la Toscana “Italia Senegal” – emigrazioni al contrario. Lo spettacolo, già presentato con successo a Bookcity Milano 2020, è un “Reportage Teatrale” che trasforma il palco in una pagina di giornale con contributi fotografici, video interviste, musica dal vivo e la giornalista che declama il pezzo. Al centro della riflessione, l’emigrazione in tempo di crisi, rotte che si incrociano e si invertono: una serie di interviste realizzate in Senegal a italiani e africani “emigrati al contrario”.

In prima assoluta per Collinarea la Compagnia circense MY!LAIKA SIDE KUNST_CIRQUE presenta alle ore 22.15 in piazza Matteotti “Домой [ DOMOI ]” – “We don’t tell a story, we show thousands”. Dopo le entusiaste recensioni di testate come il “The Guardian” e dopo una lunga serie di esibizioni in tutto il mondo, la compagnia arriva a Lari con uno spettacolo site – specific, liquido, che si adatta al luogo in cui si svolge, ma che presenta come sempre i suoi turbolenti ed esplosivi collage tridimensionali. Immagini che si mescolano a suoni, persone lontane, luoghi, fatti strani in un turbine di acrobazie fisiche e musicali cambiano l’ordinaria percezione dello spazio e spingono il linguaggio del circo a inseguire la fantasia dell’infinito.

Collinarea Festival, giunto quest’anno alla sua ventiduesima edizione grazie anche alla forte collaborazione dell’Amministrazione Comunale di Casciana Terme Lari, del sindaco Mirko Terreni e dell’assessora alla cultura Marianna Bosco, negli anni ha ospitato artisti del calibro di Stefano Bollani, Marco Tullio Giordana, Ascanio Celestini, Vinicio Capossela, Elio e le storie tese, Antonio Rezza e tanti altri.

Tema di questa edizione, Connessioni: in un anno di distanziamento sociale obbligato, il festival vuole ripensare la disposizione (urbana) dello spettatore e, parallelamente, dare una proposta artistica capace di fondersi con questa necessità, facendola diventare virtù.

Fonte: Ufficio Stampa

Eventi simili