Teatro Firenze

da sabato 7 Febbraio 2015 a domenica 8 Febbraio 2015

Al Verdi arriva la “Carmen” per tutta la famiglia. Una produzione ORT e Venti Lucenti

La "Carmen" nella versione dell'ORT e di Venti Lucenti (foto: Michele Monasta)

La “Carmen” nella versione dell’ORT e di Venti Lucenti (foto: Michele Monasta)

La “Carmen” è l’opera più rappresentata al mondo. L’edizione proposta dall’ORT è pensata per il pubblico dei bambini ed è una produzione Orchestra della Toscana in collaborazione con Venti Lucenti. La regia è di Manu Lalli. E’ in programma sabato 7 e domenica 8 febbraio al Teatro Verdi di Firenze con inizio alle 16,30.

Il ciclo si chiama “Tutti al Teatro Verdi” spettacoli per bambini, ragazzi e famiglie e si rivolge ad un fascia di pubblico che va dai 4 ai 12 anni.

Ottimo il cast di professionisti che avrà accanto come giovani figuranti e coro i bambini della città di Cortona con altri cittadini/comparse sempre di Cortona.

Lo spettacolo è stato presentato la scorsa estate al Cortona Mix Festival.

Prezzo popolarissimo: 8 euro gli adulti, 5 euro i bambini.

I biglietti possono esser acquistati on line con un piccolissima commissione (è il 10%) andando su www.teatroverdionline.it, oppure direttamente nel pomeriggio di spettacolo presso la biglietteria del teatro che aprirà alle 15,00.

 

CARMEN
musiche George Bizet
in collaborazione con Venti Lucenti
Carmen Tatia Jibladze  – Don Jose Armaz Darashvili
Micaela Angela Nisi – Escamillo Maurizio Leoni
Coro dei Bambini delle Scuole Elementari di Cortona
Cori di Adulti e Scuole di Danza di Cortona
regia Manu Lalli
direttore Carlomoreno Volpini
Orchestra della Toscana

da 4 a 12 anni – durata 50 minuti circa

Sabato 7 febbraio e Domenica 8 febbraio 2015, ore 16.30

TUTTI AL TEATRO VERDI!
Gli spettacoli per bambini, ragazzi e famiglie
biglietti da € 5,00 a € 8,00

Jamais Carmen ne cédera. Libre elle est née et libre elle mourra!”
‘Giammai Carmen cederà! Libera è nata e libera morirà!’ ecco una frase presa dal libretto di Meilhac e Halèvy (tratta da l’omonima novella di Mérimée) che spiega e racconta lo spirito di questa magnifica opera.
Libertà, esotismo, fascino, passione,  il tutto ambientato in una Spagna di sogno e piena di pericoli e colori. Una miscela esplosiva di contenuti e musica che fa della Carmen di Bizet una delle opere più rappresentate del mondo. In questa versione si è tentato di restituire a questa opera il suo taglio naturalistico. Il coro, formato dai bambini e dai cittadini di Cortona, interpreta se stesso; i bambini si trasformano infatti non in personaggi di un’altra età, ma in veri bambini della Siviglia dell’opera, cosi come il coro degli adulti, appartenenti alle corali della città, si vestirà dei panni dei veri abitanti della Siviglia dell’opera di Bizet. Il fascino già straordinario della musica assume quindi un significato di totale adesione alla vicenda che penetra nel tessuto della città attraverso le voci di chi la città la vive e la abita.
La storia della donna, che, a causa della sua scelta di libertà, viene sacrificata, è poi quanto mai attuale in questo momento così terribile per le vicende dell’ultimo periodo legate ai fatti di cronaca, e in fondo ci ricorda il valore straordinario contenuto come mito dall’opera. Opera che però avrà un finale inaspettato, un finale di fiducia  e di speranza: che la libertà e l’amore siano non tragedia e passionale riscatto, ma gioia e condivisione collettiva.

Fonte: Orchestra della Toscana

Eventi simili