Sagre e Feste Impruneta

da venerdì 15 giugno 2018 a domenica 17 giugno 2018

Tavarnuzze al Castello: la quinta edizione

Tavarnuzze medievale

Alle porte di Firenze, a Tavarnuzze (Impruneta) torna la rievocazione storica “Tavarnuzze al Castello!”, organizzata dalla Proloco Tavarnuzze, con il patrocinio dell’amministrazione comunale di Impruneta. L’appuntamento è da venerdì 15 a domenica 17 giugno 2018.

“Torna anche quest’anno la festa medievale Tavarnuzze al Castello, che, giunta alla sua quinta edizione – dicono gli Organizzatori -, cambia veste con tante novità. La festa quest’anno si svolgerà in un unico fine settimana e dedicherà ogni giornata ad un tema diverso: cosplay, rievocazione storica e palio dei rioni-corteo storico”.

Cominciamo da venerdì 15 giugno: la serata a tema “Signore degli anelli” sarà dedicata al cosplay e in particolare ai festeggiamenti del compleanno di Bilbo Baggins. Complici la musica dal vivo degli Stonybroke Ensemble e un grande allestimento scenografico, piazza Don Chellini sembrerà, per una sera, la Terra di Mezzo. A partire dalle ore 19, apericena a cura de “La Taverna de lo gigante bono”: buon cibo, vino, birra e soprattutto il cocktail creato appositamente dal campione giovanile del “Florence cocktail week” Vieri Palanti: Lord of ring! Programma della serata (Festeggiamenti al castello): ore 19, Compleanno di Bilbo Baggins, Aperi-Fantasy, apertura Taverna de lo gigante bono. Dalle 21, Concerto Stony Broke Ensemble, Irish music, Musica celtica, Musica medievale.

Sabato 16 giugno, si aprirà il villaggio medievale: i figuranti tavarnuzzini ricostruiranno i mestieri tipici dei castelli del XII secolo: dal falegname alle tessitrici fino ad arrivare a miniaturisti e speziali. In contemporanea si apriranno anche il mercatino degli artigiani, che quest’anno ospiterà, oltre ai banchi medievali, artisti come la mosaicista Lucia Menchini, e la Taverna de lo gigante bono, in collaborazione con l’Associazione maestri dell’arte e del gusto. Nel pomeriggio: palio goffo, ovvero un’anteprima dedicata a grandi e piccini del palio dei rioni, la prima manche del Torneo dei campioni, a cura de La Masnada Buondelmonti, Associazione di Ricostruzione e Rievocazione Storica, e le visite guidate per scoprire tutti i dettagli dei mestieri ricostruiti nel villaggio. La festa continuerà in serata, con le giullarate di Tommaso Palazzini, lo spettacolo di fuoco “Alkemika”, a cura di Manipura Fire, e la finalissima del Torneo dei campioni. Programma della serata (Villaggio Medievale): ore 16, Mercatino Artigianale, Villaggio Medievale, Taverna, a cura dei Maestri dell’Arte e del Gusto. Ore 17: Palio Goffo. Ore 20: Torneo dei Campioni. Ore 20:45: Giullarate. Ore 21:30: Alkemika, spettacolo di fuoco. Ore 22: Finalissima Torneo dei Campioni.

La serata di domenica 17, clou dei tre giorni di eventi, sarà dedicata allo spettacolo. I partecipanti avranno la possibilità di cenare alla corte de lo Signore di Montebuoni ed assistere così in prima fila al Palio dei Rioni, al Corteo Storico e allo spettacolo degli Sbandieratori Città di Firenze. Le prenotazioni sono aperte presso la Pubblica Assistenza Tavarnuzze in via della Repubblica 70, Scodinzolando in via Montebuoni e Caffè Latino in via G. Di Vittorio.

Programma della serata (Cena a Corte e Corteo Storico):

ore 16, Mercatino artigianale.

Ore 17: Spettacolo in piazza.

Ore 19: Apertura area banchetto.

Ore 19:30: Inizio banchetto e Palio dei Rioni.

Ore 21: Corteo Storico.

Ore 22: Spettacolo Sbandieratori Città di Firenze.

Ore 22:30: Premiazioni.

Costo della cena: 28 euro a persona.

“’Tavarnuzze al Castello’, al tempo ‘Corteo Storico di Tavarnuzze9 – spiegano ancora gli Organizzatori -, nasce negli anni ’80 dal desiderio di un Comitato promotore Festeggiamenti di Tavarnuzze di realizzare nel paese un evento che potesse raccogliere i cittadini e creare un senso di appartenenza al territorio. Il Corteo Storico è cresciuto negli anni, fino a diventare un evento di riferimento durante l’anno solare. La prima manifestazione è composta da una sfilata con figuranti in vestiti rinascimentali (sbandieratori, musici e messeri, signori, dame, cavalieri a cavallo e popolani con carri e buoi). C’erano anche spettacoli danzanti, circensi e giochi vari. ‘Tavarnuzze al Castello’ si interrompe negli anni ’90, per riprendere nel 2013, grazie alla Pro loco di Tavarnuzze, che ne ha approfondito l’aspetto storico: sul Poggio di Montebuoni c’era un castello della potente famiglia dei Buondelmonti, la quale imponeva il pagamento di un dazio a chiunque attraversasse la sottostante località MulierMala (presso il castello). Di ciò si lamentavano i molti mercanti fiorentini che transitavano continuamente carichi di merci pregiate e vettovaglie. Così, nel 1135, un po’ per questa ragione, un po’ perché i Signori di Montebuoni rappresentavano un ostacolo all’espansione e allo sviluppo della Repubblica Fiorentina, quest’ultima inviò le sue milizie ad assediare il castello. L’assedio durò circa 4 mesi e si risolse con un patteggiamento, a seguito del quale la famiglia Buondelmonti dovette spostarsi a Firenze e il castello fu raso al suolo. In virtù dell’impossibilità di usare la Vallombrosina – concludono gli Organizzatori -, l’edizione 2018 di ‘Tavarnuzze al Castello’ si svolgerà tutta in piazza Don Chellini”.

Informazioni:

Ufficio Relazioni con il Pubblico, tel. 055/2036640, mail urp@comune.impruneta.fi.it.

Fonte: Ufficio Stampa
Calcola il percorso Mappa ingrandita

Eventi simili