Teatro Casciana Terme

da venerdì 12 ottobre 2018 a domenica 14 ottobre 2018

Hosteria Hrabal in scena in prima assoluta, novità teatro con cena dentro lo spettacolo al Teatro Verdi di Casciana Terme

Hosteria Hrabal

La prima cena dentro lo spettacolo sul palcoscenico per soli 25 spettatori. Ecco in prima assoluta una delle novità del festival teatral – gastronomico “Utopia del Buongusto” che venerdì 12, sabato 13 e domenica 14 ottobre 2018 alle 20,30 al Teatro Verdi di Casciana Terme (Pisa), in via Regina Margherita 11, presenta lo spettacolo “Hosteria Hrabal”. Una notte in locanda con Bohumil Hrabal. Con Andrea Kaemmerle, Francesco Bianchi e Marco Fiorentini. Una produzione di Guascone Teatro.

Informazioni e prenotazioni al 3280625881-3203667354.

Programma completo su www.guasconeteatro.it.

Da non perdere l’inimitabile mood autunnale di Casciana Terme ed i suoi profumi.

Serata unica ed appassionante, l’emozione di entrare “Al Calice” o al “U Tigra” nei vecchi vicoli di Praga, luogo magico dove uno dei massimi artisti del ‘900 ha consumato notti e rivoluzioni. Si mangerà con gli artisti ed ubriaconi più illuminanti della Boemia. Tra boccali di birra, polpettine di nonna Mutti e tutte le tradizionali ricette che hanno sfamato i vaganotte della Vecchia Europa. L’osteria sarà direttamente sulle assi del palco, un viaggio che nemmeno Ryan Air può offrire. Per mille volte si è sognato di essere a colazione sulle rive della Senna con Balzac o sulle panchine dei parchi zurighesi con Durenmatt, nelle limonaie agrigentine con Pirandello. Si inizia a cenare con chi ci merita. In questa osteria per conoscere Hrabal e la sua meravigliosa visione del mondo sono venuti Clinton, Fellini, Havel e Gunter Grass. Ora tocca al pubblico di Utopia del Buongusto e c’è da tenersi forte: qui l’ossigeno è più incendiabile ed ha il sapore di labbra.

Il Festival – Con l’estate ritorna il festival Utopia del Buongusto di Teatro Guascone (Pontedera – Pisa) che quest’anno compie ventuno anni ed entra nel suo secondo ventennio di vita. Come sempre, promette anche per il 2018 un pieno di serate a base di cene e Teatro. Ventunesimo atto di scorribande del primo esperimento internazionale di vita godereccia. Per la direzione artistica di Andrea Kaemmerle. Il motto è sempre lo stesso: “Si può solo godere o soffrire, godicchiare non è serio”. Due le cifre che l’accompagnano: oltre 1300 serate in venti anni con più di 125.000 spettatori.

In cinque mesi ci sono 47 date disseminate in tutta la Toscana, dal 15 giugno fino al 20 ottobre tra le province di Arezzo, Livorno, Firenze, Lucca e Pisa, in 18 Comuni: Altopascio, Bientina, Calcinaia, Capannoli, Capannori, Casale Marittimo, Casciana Terme Lari, Castellina Marittima, Crespina Lorenzana, Fucecchio, Livorno, Montaione, Pisa, Ponsacco, Pontedera, Santa Maria a Monte, Terranuova Bracciolini e Vicopisano.

Tra i vari e tanti ospiti ci saranno molte compagnie tutte da scoprire provenienti da tutta l’Italia. Il battaglione di artisti che accompagna il festival si rinnova e conferma ogni anno. Il tempo ha fatto regalo di grandissime collaborazioni con persone vere. Arrivano corpi a rinnovare gli anticorpi contro solitudini e paure. Sarà un estate di grandi attori, di autori imperdibili e di storie sconosciute. Poi musica dal vivo in enorme dosaggio.

Fonte: Ufficio Stampa
Calcola il percorso Mappa ingrandita

Eventi simili