Spettacoli Siena

da venerdì 23 giugno 2017 a martedì 11 luglio 2017

EstatinSiena quattro appuntamenti con la musica, tra cui gli “Ezza”: arriva il rock blues del Niger

EstatinSiena, Ezza

Il rock blues del deserto del Niger, la fanfara dei Balcani, i canti del Maghreb, il recital dedicato alla cultura popolare calabrese. Gruppi che guardano al Mediterraneo, all’Europa, all’Africa e oltre, inseguendo un ideale di libertà geografica musicale. Quattro appuntamenti all’interno dei “Meridiani live”, i primi appuntamenti del cartellone “Estatinsiena” promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Siena. Dal 23 giugno all’11 luglio, la rassegna “Cortili Aperti” animerà le notti senesi al fresco dei più suggestivi cortili: ci saranno l’Orchestra Baro Drom con “Power Gipsy Dance”, il trio EZZA, guidato da Omar Adam Goumour, che trasforma la musica Tuareg, mescolando suoni rock moderni, impulsi africani. Ed ancora, Fanfara Station, un progetto in trio con looping dal vivo che fonde la forza di un’orchestra di fiati, l’elettronica e i ritmi e i canti del Maghreb. Infine Peppe Voltarelli, cantante di origini calabresi, autore di canzoni, attore, performer.

Palcoscenico per tutti i quattro appuntamenti, il Chiostro di San Francesco, a Siena, in Piazza San Francesco. Al calare della sera, alle 21,30, inizia la musica. E con “Meridiani live” la volontà è quella di raccontare il sud delle geografie musicali, le musiche che tendono all’equatore dell’anima, oltre i generi e le definizioni. E’ questo il filo rosso che lega i quattro concerti, tutti ad ingresso gratuito.

EstatinSiena è il cartellone unico di eventi culturali promossi dal Comune di Siena da giugno a settembre, che raccoglie al suo interno anche gli eventi organizzati dal Santa Maria della Scala, dall’Accademia Musicale Chigiana, dal Siena Jazz e dall’Istituto “Rinaldo Franci”. EstatinSiena vede il prezioso contributo di Vernice Progetti Culturali, società strumentale della Fondazione MPS e la collaborazione di The B SIDE Eventi.

Si inizia il 23 giugno con Baro Drom Orkestar e il loro Power Gipsy Dance. A seguire, djset con Ghiaccioli & Branzini. “Genau!” è il nuovo e atteso album di Baro Drom Orkestar, pubblicato dalla neonata “Musicastrada Records”, prodotta da Orkestar e Davide Mancini e distribuita da Materiali Sonori. Tradizione, innovazione e soprattutto originalità sono le parole chiave, un mix che fa ballare dalla prima all’ultima nota. Registrato presso il laboratorio Jambona di Cascina di Antonio Castiello, l’album presenta anche alcuni ospiti molto speciali, compagni di viaggio dell’Orchestra, come Goran Kovacevic, il percussionista e il cantante Rocco Zecca e la voce di Arianna Romanella. Tante le influenze musicali della band che ha suonato in grandi club e partecipato a importanti festival in Europa, tra cui Moods Jazz Club (Zurigo), Isny Theater Festival (Germania), Wangen Jazz Point (Germania), Lindau Festival (Germania), Hoftheater Baienfurt (Germania), Festival di Musica di Chianciano Terme, Festival di Musica dell’Austrada, Sentieri Acustici, Festival Popolare, Festival della Musica Etnica di Civitavecchia, L’Auditorium Flog di Firenze.

Il 24 giugno il palcoscenico sarà tutto per Ezza e il loro trascinante Niger Tuareg Rock Blues che mescolando suoni rock moderni, impulsi africani, trance ritmiche e groove instancabili. “EZZA” è l’ultima lettera dell’alfabeto Tifinagh ed è il simbolo dell’uomo libero (Amazigh) e della resistenza. Il blues-rock del deserto di EZZA, tra melodie dinamiche e ritmi alimentati dalla ribellione, produce un suono contemporaneo. I brani parlano della cultura del Niger e della tuareg attraverso una musica sperimentale e impegnata.

L’8 luglio, Fanfara Station, Marzou, con la loro musica elettronica/world/balcanica. E’ un progetto in trio con looping dal vivo che fonde la forza di un’orchestra di fiati, l’elettronica e i ritmi e i canti del Maghreb. Fanfara Station celebra l’epopea dei popoli migranti del Mediterraneo, delle culture musicali della diaspora africana e dei flussi che da sempre uniscono il medio oriente al Maghreb, all’Europa e alle Americhe. Fanfara Station è una fanfara balcanica rafforzata da una sezione ritmica nordafricana e dai beats contemporanei marcatamente electro-dance. Un dance party creato dal vivo da soli tre musicisti e due loop station usate per sovraincidere le tracce e manipolare i suoni acustici ed elettronici. Gli strumenti sul palco sono tantissimi: le percussioni scascika, tar, bendir, darbuka e tabla che si intrecciano con la tromba, il trombone, il clarinetto e i tre fiati tunisini: nay, mizued e zocra.

L’11 luglio, infine, Peppe Voltarelli canta Profazio, ovvero una fetta della cultura popolare nostrana che Peppe Voltarelli riesce ad mettere sotto una nuova luce, ricreando l’atmosfera dei vecchi racconti in musica dei cantastorie, con una ricca fioritura di suoni, ritmi e melodie. Il cantante, autore di canzoni, attore, performer, è stato fondatore e frontman per quindici anni de Il Parto delle Nuvole Pesanti, band con cui realizza sette dischi che contribuiscono al rinnovamento della musica rock italiana degli anni ’90. Ha partecipato al concerto del Primo Maggio, al Premio Tenco, al Premio Ciampi, al Premio Salvo Randone. A gennaio 2006 ha intrapreso la carriera solista. Come primo progetto, ha realizzato un recital sulla vita di Domenico Modugno dal titolo
“Voleva fare l’artista”. “Distratto ma però” è il suo primo album solista, una carrellata su storie di immigrati. Tante le collaborazione che può vantare, dai Negrita a Roy Paci, a Finaz, Sergio Cammariere.

Per informazioni basta cliccare sul sito internet di Bside

www.sonarlive.com, la pagina Fb di Sonar Live e l’account twitter sonarlive, sul sito web del Comune di Siena all’indirizzo www.comune.siena.it.

Inizio spettacoli ore 21,30.

Ingresso gratuito. Seguici su enjoysiena e con l’hashtag #estatinsiena.

Per informazioni:

bside2004@hotmail.com, cell 3393476872.

Ezza

Fonte: Ufficio Stampa
Calcola il percorso Mappa ingrandita

Eventi simili

22