Cultura Empoli

sabato 18 febbraio 2017

Il De rerum natura di Lucrezio e i legami con Piero di Cosimo e il pontormese Alessandro Marchetti

De Rerum Natura - Alessandro Marchetti

De Rerum Natura – Alessandro Marchetti

Riprende il terzo ciclo di conferenze ‘I luoghi della città. Incontri per la conoscenza del patrimonio di Empoli’; sabato 18 febbraio, alle 17,30, appuntamento al Cenacolo degli Agostiniani di Empoli, con Vincenzo Farinella e la sua lezione dal titolo ‘Il De rerum natura di Lucrezio e le immagini, da Piero di Cosimo ad Alessandro Marchetti’.

Per la nostra città il 2017 è un anno da salutare con orgoglio: sono passati infatti trecento anni da quando fu data alle stampe a Londra la prima traduzione in italiano del De rerum natura di Lucrezio.

Autore ne fu Alessandro Marchetti, nato a Pontorme il 17 marzo 1633 e poi insegnante di filosofia e matematica all’Università di Pisa, fine letterato, tra i protagonisti del panorama culturale italiano tra Sei e Settecento.

Aveva concluso la traduzione dell’opera di Lucrezio già nel 1668 ma a causa dei contenuti dissonanti rispetto a quelli imperanti nel tempo, non ricevette mai il permesso alla pubblicazione, che avvenne postuma nel 1717.

Lucrezio e la sua visione del mondo furono parte dell’ispirazione di un pittore eccentrico come Piero di Cosimo (1462-1522) cui, nel 2015, gli Uffizi dedicarono una straordinaria mostra.

Nel catalogo brillava il saggio di Vincenzo Farinella, docente di storia dell’arte moderna a Pisa e studioso del Rinascimento, avvezzo ad indagare, con acume e raffinatezza, gli intrecci tematici sottesi alle opere d’arte figurativa.

A lui il Comune di Empoli ha chiesto di tessere la trama che da Lucrezio porta alla traduzione del Marchetti attraverso una teoria di immagini dense di contenuto.

Il ciclo di incontri proseguirà sabato 18 marzo con Marco Campigli, Francesco di Valdambrino e Jacopo della Quercia: due giovani senesi erranti e, infine, sabato 8 aprile con Cristina Gelli, Segnavia esemplari. La colonna di Santa Maria a Ripa nel sistema Leopoldino.

Fonte: Comune di Empoli - Ufficio Stampa
Calcola il percorso Mappa ingrandita

Eventi simili

22