Teatro Pisa

venerdì 22 giugno 2018

Cavalleria Rusticana, il capolavoro di Mascagni in Piazza dei Cavalieri

 

Cavalleria rusticana

Grande serata d’opera con Cavalleria Rusticana, in programma a Pisa venerdì 22 giugno, alle ore 21:15, in Piazza dei Cavalieri. L’evento fa parte della rassegna “Le Notti dei Cavalieri”, un programma di imperdibili appuntamenti sotto le stelle, promosso dal Comune di Pisa nella magica atmosfera della piazza delle sette vie. Su libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci e con musiche di Pietro Mascagni, questa produzione è realizzata da Modigliani Produzioni e Community News, in un allestimento realizzato interamente con materiale riciclato targato SCART®.

Turiddu, Lola, Alfio e Santuzza e le comparse saranno infatti vestiti con abiti realizzati al 100% con materiale di recupero, proveniente dall’Officina SCART® di Waste Recycling, società del Gruppo Hera. Ideato circa 20 anni fa per incidere positivamente, proprio attraverso l’arte, sulla mentalità del recupero e del riuso, il progetto SCART è divenuto parte integrante del quotidiano impegno del Gruppo Hera sul fronte dell’economia circolare, di cui affronta le sfide in modo assolutamente innovativo, attraverso una fitta rete di collaborazioni con artisti e Accademie di Belle Arti, che nel corso del tempo si sono tradotte in numerose iniziative fra cui – ad esempio – mostre itineranti e interventi all’interno di importanti spettacoli teatrali e televisivi. L’appuntamento pisano del 22 giugno si inserisce per l’appunto nel quadro di questa tradizione, che continua a rilanciare, in forme sempre nuove, la trasformazione dei rifiuti da costi a risorse. Per l’opera prima del Mascagni, in particolare, i rifiuti industriali lavorati da SCART entrano nella composizione di interni ed esterni di una chiesa siciliana nel giorno di Pasqua: si va dal Cristo, risultato dell’assemblaggio di accessori di borsettifici toscani, alla disperazione della Maddalena, tratteggiata da centinaia di cerniere lampo, passando per scarpe, catarifrangenti e tastiere di computer, capaci di dar vita a tutti gli altri personaggi presenti sul Golgota.

Cavalleria rusticana è il capolavoro di Pietro Mascagni, fu la prima opera composta dal musicista ed è certamente la più nota della sua produzione. Il suo successo fu enorme già dalla prima volta in cui venne rappresentata al Teatro Costanzi di Roma, il 17 maggio 1890 e tale è rimasto fino a oggi. Il panorama musicale mondiale fu sconvolto da questa folgorante novità, che segnò l’inizio di un trionfo che fece di Mascagni un simbolo internazionale. L’intermezzo sinfonico dell’opera, collocato tra la ottava e la nona scena, è uno dei pezzi più popolari della produzione lirica mondiale, grazie anche al suo utilizzo in ambito cinematografico in film come Il Padrino di Coppola e Toro scatenato di Scorsese.

Prestigioso il Cast che vede Valentina Boi nel ruolo di Santuzza e Silvia Pantani in quello di Lola. Denis Pivnitskyi interpreta invece Turiddu e Carmine Monaco Alfio, infine sarà Diana Turtoi a dare voce e movenze a Lucia.

L’Orchestra Amedeo Modigliani sarà diretta da Mario Menicagli, direttore che vanta collaborazioni con il Teatro Goldoni di Livorno, l’Orchestra Cherubini, l’Orchestra Toscanini, ha diretto oltre venti titoli operistici ed è considerato uno dei più prolifici e attenti interpreti del repertorio mascagnano. Oltre a Cavalleria Rusticana, di cui ha diretto oltre venti produzioni, sono nel suo repertorio gran parte delle opere di Pietro Mascagni, cosa che gli è valsa la menzione nel volume “Mascagni” edito da Sillabe editore, in cui viene citato assieme ai più importanti protagonisti del mondo musicale internazionale. Il Coro frutto della collaborazione fra il Modigliani e la Società Corale Pisana avrà come Maestro del Coro Stefano Cencetti.

La regia sarà affidata ad Alberto Paloscia, musicologo, organizzatore musicale e regista che dal 1990 è direttore artistico del Teatro Goldoni di Livorno, città di Pietro Mascagni. In questa sede ha contribuito alla riscoperta e alla diffusione di alcuni dei titoli meno conosciuti ed eseguiti del ricco catalogo dell’autore di Cavalleria rusticana; tra questi I Rantzau, Guglielmo Ratcliff, Silvano, Zanetto, Iris, Le Maschere, Lodoletta e l’operetta Sì, tutti affidati a illustri direttori d’orchestra a registi del calibro di Giancarlo Del Monaco, Claude D’Anna, Piera Degli Esposti, Lindsay Kemp e Federico Tiezzi. E’ membro delle commissioni giudicatrici di importanti concorsi internazionali di canto lirico in Italia e all’estero e docente di interpretazione e arte scenica in numerose masterclass in Italia e all’estero.

Prevendite:
BOTTEGHINO del Teatro Verdi:
Fino al 3/06: da martedì a sabato ore 16-19 / il mercoledì, venerdì e sabato anche ore 11-13 (festività escluse)
Dal 4/06 orario estivo: dal martedì al venerdì ore 11 – 13 / il martedì e giovedì anche ore 16-18 (festività escluse)
Inoltre dalle ore 19,30 la sera dello spettacolo presso Piazza Cavalieri.

PREVENDITA TELEFONICA Biglietteria Teatro Verdi :
con carta di credito, n. tel 050- 941188
il martedì e il giovedì ore 14 -16

– PREVENDITA ONLINE con carta di credito
sul sito www.vivaticket.it

– Punti-Vendita nazionali del Circuito Vivaticket-BestUnion
consultabili su www.vivaticket.it/ita/ricercapv

Info line: 339 8556862 info@communitylive.it
www.communitylive.it

Fonte: Ufficio Stampa
Calcola il percorso Mappa ingrandita

Eventi simili