Cultura Pisa

da mercoledì 14 novembre 2018 a domenica 30 giugno 2019

Bosch, Brueghel, Arcimboldo. Una mostra spettacolare di arte digitale prorogata fino al 30 di giugno

La mostra è prorogata fino al 30 giugno.

Gli spazi degli Arsenali Repubblicani di Pisa resteranno chiusi nelle giornate di martedì 16, mercoledì 17 e giovedì 18 aprile.

In Francia è certamente il fenomeno più seguito dai media e dalla critica.
Le mostre-spettacolo, ideate da un gruppo di artisti italiani, hanno battuto ogni record di visitatori a Carrières de Lumières – un posto magico nella campagna provenzale – al punto da spingere gli organizzatori francesi ad aprire nel cuore di Parigi l’Atelier des Lumières, una sede dedicata esclusivamente a questo tipo di intrattenimento culturale.

Cosa entusiasma il pubblico e in cosa differiscono queste mostre dalle tante “virtuali” o “digitali” esistenti?
Sicuramente la differenza la fa la scrittura dello spettacolo, che non è un mero assemblamento di immagini proiettate bensì un’opera scritta drammaturgicamente, un copione teatrale in cui ogni immagine, ogni nota e ogni pausa ha un preciso significato. C’è una storia pensata e scritta, che non si coglie a livello razionale, ma si percepisce a livello sensoriale.
Questi spettacoli danno emozioni e brividi. Ecco la differenza.

Arthemisia ha presentato questo progetto innovativo per la prima volta in Italia, e ha scelto gli spazi degli Arsenali di Pisa, ricchi di storia e di fascino. Il connubio dello spettacolo e della sede ne fanno un evento unico e onirico.

Entrati nelle magiche navate dell’antica darsena pisana, basta aprire gli occhi e lo spettacolo è tutto intorno, sopra la testa e sotto ai piedi. Una magia avvolgente e inafferrabile, che disorienta e lascia estasiati allo stesso tempo.

Prendendo le mosse da singole opere, ci si ritrova partecipi di un racconto e proiettati a fianco di tre secoli di personaggi fantastici, all’interno di atmosfere e scenari affollati della vita contadina che dissolvono lasciando il posto alle singolari creature arcimboldiane: alchimia, religione e astrologia; vanità, tentazioni e vizi; intrecci di corpi ibridi a metà tra l’umano e l’animale, campi animati da festanti lavoratori, volti antropomorfi prendono vita da combinazioni di frutta e verdura di ogni genere.
Tra arte, forme, colori, spazi e fantasia, il rapimento dei sensi è totale e opporsi è inutile.

Una realizzazione magistrale curata dallo staff di Arthemisia con un’equipe tutta italiana di artisti: Gianfranco Iannuzzi, Renato Gatto, Massimiliano Siccardi e Luca Longobardi per la parte musicale.
30 Minuti di spettacolo accompagnati da musiche che vanno dai Carmina Burana di Carl Orff a Le quattro stagioni di Vivaldi fino alla versione tributo del 2012 di Stairway to Heaven dei Led Zeppelin.

Con il patrocinio della Regione Toscana e del Comune di Pisa, la mostra è prodotta in Italia dal Gruppo Arthemisia e Sensorial Art Experience e con il supporto di Banca di Pisa e Fornacette.

La grande mostra spettacolare Bosch, Brueghel, Arcimboldo arriva a Pisa: 54 proiettori riproducono atmosfere magiche e sognanti regalando al pubblico una totale immersione nelle opere attraverso una combinazione di immagini, musiche e tecnologia.

30 Minuti di spettacolo ricco di 2.000 immagini (in scala 1:1500) proiettate su 1000 mq e di musiche che vanno dai Carmina Burana di Carl Orff a Le quattro stagioni di Vivaldi fino alla versione tributo del 2012 di Stairway to Heaven dei Led Zeppelin: gli Arsenali si popolano così di innumerevoli creature fantastiche e allegoriche dai colori vivi e cangianti in un’atmosfera lirica e poetica. Alchimia, religione e astrologia; vanità, tentazioni e vizi: questi i temi raffigurati da Bosch, Brueghel e Arcimboldo con un acuto senso del dettaglio che circondano il visitatore a 360 gradi.

Nulla a che vedere con quanto già visto e non semplici proiezioni, ma di una regia sapientemente costruita da Gianfranco Iannuzzi, Renato Gatto e Massimiliano Siccardi, con una colonna sonora curata da Luca Longobardi, capace di coinvolgere, travolgere ed emozionare.

Lo spettacolo – diviso in tre tempi – si apre con un prologo ispirato alla creazione del mondo di Bosch – Il Giardino delle delizie – e si dipana sulle pareti, sulle vetrate e il pavimento che diventano la tela di opere quali Ascesa all’Empireo (1500, Bosch), Il giardino dell’Eden e la Caduta dell’uomo (1615 ca., Brueghel e P.P Rubens), Paesaggio fluviale (Brueghel), Allegoria della Musica (Brueghel), Terra (1570 ca., Arcimboldo), Il Giudizio universale (Bosch), Torre di Babele (1563, Pieter Brueghel il Giovane), Primavera (Arcimboldo), Quattro stagioni in una testa (1590 ca., Arcimboldo).

Le scene oniriche e surreali, colme di personaggi bizzarri fanno vedere mondi incantati dei quali vien il desiderio di varcare la soglia per un viaggio tra universi affascinanti che il visitatore potrà scrutare nei minimi dettagli come solo uno studioso con la sua lente di ingrandimento a pochi millimetri dalla tela.

Con il patrocinio della Regione Toscana e del Comune di Pisa, la mostra è prodotta in Italia dal Gruppo Arthemisia e Sensorial Art Experience e con il supporto di Banca di Pisa e Fornacette.

Autori dello spettacolo sono Gianfranco Iannuzzi, Renato Gatto, Massimiliano Siccardi e Luca Longobardi per la parte musicale.
Prodotta in Francia da Culturespaces a Carrières de Lumières, unico posto dove è stato realizzato prima d’ora questo progetto, la mostra ha avuto oltre 500.000 visitatori.

La mostra vede come special sponsor Knauf, sponsor tecnico Trenitalia, Aurora Catering, Devitalia, media partner La Nazione e radio partner Radio Dimensione Suono.

L’evento è consigliato da Sky Arte HD.

Bosch, Brueghel, Arcimboldo.
Una mostra spettacolare di arte digitale
Dove: Arsenali Repubblicani, Pisa

Periodo: 14 novembre 2018 – 26 maggio 2019

Hieronymus Bosch (1450-1516 ca.), Giardino delle delizie

Fonte: Ufficio Stampa

Eventi simili