Spettacoli Bientina

venerdì 5 gennaio 2018

“Azzurro – Vigilia di un miracolo” con Francesco Bottai, viaggio musicale tra Celentano e Conte al Teatro delle Sfide

 

“Azzurro – Vigilia di un miracolo” con Francesco Bottai

Un viaggio musicale tra Celentano e Conte è in programma venerdì 5 gennaio 2017 alle 21,30 al Teatro delle Sfide di Bientina (Pisa), in Via XX settembre, 30, dove Francesco Bottai, chitarra e voce, propone, unica data in Italia, “Azzurro – Vigilia di un miracolo”. Con anche, Mirco Capecchi al contrabbasso, Daniele Aiello al pianoforte e Nico Gori al clarinetto.

All’interno della quarta stagione (edizione 2017/2018) del “Teatro Liquido” di Guascone Teatro, ovvero “Utopia del Buongusto” (il festival estivo) in tempi freddi. Occasione allegra per star bene, essere attraversati da bei pensieri e migliorarsi la vita. Direzione artistica di Andrea Kaemmerle.

Informazioni 328 0625881 e 3203667354, info@guasconeteatro.it, www.guasconeteatro.it.

Biglietti: 10 euro intero – 8 euro ridotto.

Il concerto/spettacolo è un omaggio brillante e spiritoso a due miti della musica italiana. Da geniale cantautore Francesco Bottai ed i suoi musicisti tesseranno una serata di belle canzoni. Un affresco in parole e note condito dalla leggerezza e dalla sagacia dovuta al Dna iper pisano. Primo passo verso un progetto più ampio sui grandi cantautori mondiali al quale Francesco Bottai sta lavorando.

Non tutte le notti sono buie, non tutte le notti sono uguali. Alcune notti sono ordinarie, altre uniche ed inimmaginabili. Sapevate che la notte di Befana è la notte dei cantautori ? É la notte che ha visto nascere Adriano Celentano e Paolo Conte, la notte della calza che porta dolcezze e speranze. La notte della Befana 2018 porta in prima nazionale il concerto/evento di Francesco Bottai, applaudito alle Sfide nelle passate stagioni con i Gatti Mezzi e Lisciami/ Marinati 43. Sarà un ottimo modo per avvicinarsi alle ultime ore di festività natalizie e fare il pieno di buone energie.

“Teatro Liquido” è la stagione che coinvolge le città d’acqua di Bientina e Casciana Terme Lari, con qualche puntata su Livorno. Oltre 60 date tra teatro, musica, cinema, opera lirica, teatro ragazzi e altro, che da dicembre 2017 a maggio 2018 troveranno casa al Teatro delle Sfide di Bientina e al Teatro Verdi Giuseppe, fu Carlo oste di Casciana Terme, dove ci sarà il grosso delle date.

Tra gli ospiti, solo per ricordarne qualcuno, ci saranno Paolo Migone, Paolo Hendel, Ugo Dighero e Christian Lavernier, Michele Crestacci, Guascone Teatro, Bustric e Leonardo Brizzi, Igor Vazzaz, Alessandro Riccio e Alberto Becucci, Ciro Masella, e poi tanti, tantissimi altri artisti da ogni parte di Italia. Molte parole ma anche moltissima musica. Spettacoli collaudati alternati a prime nazionali.

La stagione del Teatro Liquido è un progetto che porta la firma di Guascone Teatro di Pontedera (Pisa), sostenuto e promosso dal Comune di Bientina e Casciana Terme Lari, che prende forma da un’idea di Andrea Kaemmerle, direttore artistico anche dell’estiva “Utopia del Buongusto”.

La presentazione della stagione del Teatro Liquido secondo Andrea Kaemmerle
«Come per il vino – spiega Andrea Kaemmerle, direttore artistico e conduttore di navigli – anche in teatro ogni “annata” porta con se unicità e caratteristiche irripetibili. Questa per Guascone Teatro sarà la grande annata. La stagione che più ci somiglia e ci appassiona da quando abbiamo a prenderci cura del Teatro delle Sfide di Bientina e del Teatro Verdi Giuseppe di Casciana Terme. Quella che ci porterà grandi emozioni a piccoli sorsi. Si potrà essere i degni protagonisti di una sessantina di serate in teatro con grandissimi comici, concerti a 360°, spettacoli per bambini, cene a tema, degustazioni, laboratori, mostre, incontri e grande cinema».

«Bientina e Casciana – prosegue Kaemmerle – sono pronte ad accogliere il pubblico e coccolarlo con le loro botteghe, osterie, bivacchi, locande ed altre misteriose seduzioni. Per noi l’arte è la migliore vitamina contro la stanchezza del quotidiano».

«Si troverà – aggiunge – una vasta collezione di miti della scena come Paolo Hendel, Bustric, Ugo Dighiero, Paolo Migone, Matteo Belli. Si potrà inciampare in talenti cristallini ed in rapida ascesa come quelli di Alessandro Riccio, Gli Omini, Arnaldo Magini, Francesco Bottai. Ci si potrà nutrire di compagnie giovanissime ed esplosive come Pilar Ternera, Teatro San Prospero. Si toccherà con mano la generazione di chi fa questo mestiere da professionisti di lungo corso e che sta a cavallo dei 40 anni come Rubes, Di Maggio, Goretti, Miliani, Seghizzi, Citarella. Ci si cullerà nei classici di Pirandello, Brigata dei Dottori e lirica stellare».

«Insomma – conclude – si potrà trovare corpi vivi e cuori palpitanti che faranno venir voglia di vivere, crescere e ripartire per nuove speranze. Curioso che a creare questo clima di sogno e rivoluzione siano 2 piccole città, 2 comunità resistenti ed orgogliose. Ci servono complici, ci servono biglietti venduti ed incoraggiamenti. Che il pubblico continui a viaggiare con noi. Gli esseri umani sanno godere di parole pensieri ed incanti da far girar la testa. Approfittiamo di questa vita che sulla prossima ci sono pareri fortemente discordanti».

Fonte: Ufficio Stampa
Calcola il percorso Mappa ingrandita

Eventi simili

22