Cultura Castelfiorentino

da sabato 21 aprile 2018 a mercoledì 25 aprile 2018

Al CineMario Monicelli in programma questo fine settimana due film Tonya di Craig Gillespie e Contromano di Antonio Albanese

Cinema Mario Monicelli

Al CineMario Monicelli a Castelfiorentino (Fi) in programma questo fine settimana due film Tonya di Craig Gillespie e Contromano di Antonio Albanese,

Tonya si basa sulla vita della pattinatrice Tonya Harding (Margot Robbie), protagonista di uno dei più grandi scandali sportivi nella storia degli Stati Uniti. Prima atleta americana a distinguersi durante i campionati nazionali statunitensi del 1991, per l’esecuzione perfetta di un triplo axel, la parabola discendente della sua carriera comincia appena un anno dopo, quando si piazza in quarta posizione ai Giochi olimpici di Albertville. Conosciuta per il temperamento focoso, che plasma anche lo stile energico e scattante, la Harding finisce sulle pagine dei quotidiani come responsabile dell’aggressione della rivale Nancy Kerrigan (Caitlin Carver). Colpita alle gambe da uno sconosciuto dopo gli allenamenti, la Kerrigan è costretta a ritirarsi dai campionati nazionali. L’incidente pilotato dall’ex marito di Tonya, Jeff Gillooly (Sebastian Stan), consacra la protagonista come una delle figure più controverse e competitive dello sport americano.
In programma sabato 21 aprile alle 19.00; domenica 22 aprile alle 21.30; martedì 24 alle 19.00 e mercoledì 25 alle 21.30.

Contromano, il film diretto da Antonio Albanese, vede protagonista Mario Cavallaro (Albanese), cinquantenne milanese preciso e abitudinario: si sveglia tutte le mattine nello stesso modo, nella stessa casa, nello stesso quartiere, nella stessa città, beve lo stesso caffè nello stesso bar e apre il suo negozio senza mai tardare di un solo minuto. È questo, per lui, il bello della vita: le cose che non cambiano, che rimangono uguali, le abitudini. Una routine prestabilita e rassicurante che lui non ha alcuna intenzione di cambiare. L’ordine, la precisione, la puntualità, il rispetto, il decoro, la voce bassa, lo stare ognuno al proprio posto sono i valori cardine della vita di Mario, convinto che il segreto di una società civile sia il rispetto della disciplina.
La monotona vita di Mario si divide tra i suoi due luoghi del cuore: il suo prestigioso negozio di calze, ereditato dal padre, e il terrazzo di casa dove coltiva un orto, unica passione che si concede.

Terrorizzato al solo pensiero di apportare dei cambiamenti alla propria vita, è facile capire il suo sgomento quando viene a sapere che il suo vecchio bar di fiducia, dove beve sempre lo stesso marocchino dallo stesso inconfondibile sapore, sta per essere venduto a un egiziano, all'”egiziano del kebab”, e, come se non bastasse, davanti al suo negozio si piazza Oba (Alex Fondja), un giovane senegalese venditore ambulante di calzini, che inizia a minacciare l’attività di Mario con le sue offerte altamente concorrenziali. Ma quel che è troppo è troppo, e decide di agire per “rimettere le cose a posto”. Così escogita un piano semplice quanto folle: decide di rapire Oba e riportarlo a casa sua.
Un viaggio Milano-Senegal di solo andata. Anzi, la reputa un’idea geniale: se tutti lo facessero, riportandoli in patria uno a uno, il problema dell’immigrazione sarebbe risolto. Il film prende così la piega di un paradossale on the road, che si complicherà ulteriormente con l’entrata in scena di un terzo personaggio che, se possibile, rende ancora più assurda la situazione in macchina. Oba acconsente alla sua “deportazione” solo a una condizione: Mario deve riaccompagnare a casa anche la sorella di lui, Dalida (Aude Legastelois). Fin qui tutto bene, se non fosse che Mario, non appena vede la bellissima ragazza, se ne innamora perdutamente. E anche Oba e Dalida sembrano non raccontarla giusta sulla loro parentela… Sarà l’inizio di una serie di guai seri e rocamboleschi o di una nuova, assurda armonia?
In programma sabato 21 aprile alle 21.30; domenica 22 aprile alle 18.00; martedì 24 alle 21.30 e mercoledì 25 alle 19.00.

Biglietto intero 7 euro, ridotto 6 euro, soci Coop 6 euro; martedì e mercoledì 3 euro.
Riduzioni sono riservate a persone fino a 26 anni e possessori di carta giovani fino a 30 anni, adulti oltre 65 anni, portatori di handicap e soggetti con invalidità riconosciute, per ottenere la riduzione occorre presentare opportuna documentazione, abbonati del teatro del popolo e soci Coop. Le riduzioni non sono cumulabili.

E’ possibile sostenere il Teatro del Popolo e anche il CineMario Monicelli con il 5 per mille: codice fiscale 91020170485.

Per informazioni ci si può rivolgere alla biglietteria del CineMario Monicelli presso il Ridotto del Teatro del Popolo (piazza Gramsci,77) telefono 0571 633482/684594 o email info@teatrocastelfiorentino.it.

La programmazione è disponibile anche sul sito www.teatrocastelfiorentino.it.

Fonte: Ufficio Stampa
Calcola il percorso Mappa ingrandita

Eventi simili